Cronaca Nazionali Notizie

Il testimone di giustizia Rocco Mangiardi lasciato senza scorta a Malpensa

Rocco Mangiardi

Rocco Mangiardi, testimone di giustizia, è rimasto senza scorta all’aeroporto di Milano. Il commerciante lametino, che con la sua denuncia ha fatto finire in carcere e condannare grossi esponenti delle cosche di Lamezia, ha denunciato la situazione attraverso Facebook, sollevando una questione che va avanti da diverso tempo e che ripropone il dibattito legato alla tutela dei testimoni di giustizia. “”La tutela per i piccoli testimoni di giustizia come me – scrive – è ormai diventata un optional”. Il riferimento è a quanto accaduto a Malpensa, ma anche alcune settimane fa, quando Mangiardi rimase senza protezione per alcune ore. “Due volte nel giro di qualche settimana – scrive sul suo profilo – iniziano a farmi pensare”. “Mentre attendo gli addetti alla mia tutela, che ormai da quasi due ore e mezza non arrivano – ha scritto l’imprenditore – mi ritrovo a pensare a Lea Garofalo, alla sua sofferenza e alle sue ultime ore qui a Milano… Credo con forza nello Stato, ma molti uomini che dovrebbero rappresentarlo sono più che ‘distratti'”. A Milano Rocco Mangiardi c’è andato per incontrare alcuni studenti, in uno dei numerosi appuntamenti ai quali partecipa in tutta Italia per raccontare la sue storia ed esortare tutti a non piegarsi alle richieste della mafia. “Dopo avere atteso inutilmente – scrive Mangiardi – ho deciso di chiamare un taxi”. “Sono quasi le tre del mattino. Avendo il telefono scarico non ho altra soluzione che salire su un taxi e farmi accompagnare a destinazione”.

0 Condivisioni