Cronaca Notizie Reggio Calabria

Faida di Platì, cinque fermi dei Carabinieri

Cinque persone sono state sottoposte a fermo dai carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Reggio Calabria. Sono accusate di una serie di omicidi avvenuti tra la fine degli anni ’90 ed i primi anni duemila nell’ambito della cosiddetta “faida di Platì” che contrappose all’epoca le famiglie Marando e Trimboli. I fermi sono stati fatti in esecuzione di provvedimenti emessi dalla Dda di Reggio Calabria. Le persone fermate sono Rosario Barbaro, di 77 anni, Saverio Trimboli (43), Rosario Marando (49), Bruno Polito (45) e Domenico Trimboli (36). Le indagini che hanno portato ai fermi sono partite dalla scomparsa nel 2002 di Pasquale Marando. I carabinieri hanno accertato che Marando fu ucciso ed il suo cadavere fatto sparire ad opera di esponenti della famiglia Trimboli con l’autorizzazione di Rosario Barbaro, capo del “locale” di Platì, intenzionato a ridimensionare i Marando, che insidiavano la sua leadership sul territorio.

Condividi su
0 Condivisioni

 

DIRETTA VIDEOCALABRIA

Il meteo

Meteo Calabria

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com