Ambiente Attualità Notizie Reggio Calabria

Reggio Calabria, avviata la bonifica dell’ex Polveriera

Sono partite le operazioni di bonifica dell’area demaniale dell’ex polveriera al rione Modena di Reggio Calabria. Un vecchio fortino umbertino, utilizzato fino agli anni ’60 come deposito di armi e munizioni, oggi diventata una grande discarica a cielo aperto. A guidare le operazioni c’è l’esercito. In concomitanza con l’avvio dei lavori, il sindaco Giuseppe Falcomatà, il prefetto Michele di Bari, ed i massimi rappresentanti delle forze dell’ordine hanno effettuato un sopralluogo nella zona, da anni definita ‘la terra dei fuochi’ di Reggio, per gli incendi di rifiuti che avvengono giornalmente nell’area. “Si tratta – ha detto il Prefetto Di Bari – di un’area importante, che è nel centro della città e dove abbiamo avuto tantissime difficoltà. La tenacia sinergica tra Prefettura, Comune, Autorità giudiziaria e forze di polizia ha consentito di avere la disponibilità immediata dell’Esercito in questo delicato intervento. É un risultato importante, a mio parere, sotto il profilo ambientale e sanitario, per i tanti residenti del quartiere”. Un parte dell’ex polveriera è occupata da case minime, umide e fatiscenti dove vivono alcune famiglie di etnia Rom. “È una vittoria – ha aggiunto il sindaco Giuseppe Falcomatà – della ‘squadra Stato’. Grazie alla sinergia con Prefettura, Procura della Repubblica, Demanio, Esercito e forze dell’ordine viene messa in sicurezza tutta la zona, eliminando discariche e sversamenti e bloccando tutti i varchi di accesso. Questo ci consentirà di avviare uno straordinario processo di riqualificazione e di rigenerazione urbana: l’area diventerà un grande ‘parco urbano’ grazie al finanziamento di 2 milioni di euro presente nei Patti per il Sud. Da discarica a polmone verde. Si comincia”.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •