Attualità Notizie Province Reggio Calabria

Falcomatà: “L’Agenzia nazionale dei beni confiscati non può andare via da Reggio”

“Reggio Calabria non rimarrà inerme di fronte a quello che si configura come l’ennesimo tentativo di scippo per la nostra comunità. L’Agenzia Nazionale dei Beni confiscati non può andar via”. Lo afferma il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà: “Tenerla in città non sarà una vittoria – dichiara il sindaco – ma un diritto, che oggi viene messo in pericolo da una visione miope che non tiene conto delle prerogative del nostro territorio e delle reali esigenze operative di un Ente che in riva allo Stretto ha già dimostrato di saper portare avanti un ottimo lavoro. Già in passato abbiamo più volte avuto modo di affermare l’assoluta inadeguatezza del progetto di riordino dell’Agenzia, che dopo mesi di stasi, nelle prossime settimane, come una sorta di fiume carsico, rischia di tornare alla ribalta con la calendarizzazione della discussione nell’Aula di Palazzo Madama”.

Per il sindaco di Reggio Calabria “a fronte di questo è necessario uno scatto d’orgoglio da parte della comunità reggina e della sua classe dirigente, che ha già dimostrato di non tirarsi indietro quando si tratta di far valere ragioni giuste e sacrosante come queste. Da anni ormai sosteniamo con forza che lo spostamento della sede istituzionale non ha alcun senso, visto l’ottimo lavoro svolto dall’Agenzia in questi anni. Era il settembre del 2015 quando sollevammo il problema sull’ipotesi paventata di un trasferimento della sede centrale dell’Agenzia, annunciando l’avvio di una battaglia a difesa di questo importante presidio territoriale, supporto irrinunciabile per l’affermazione delle legalità sul nostro territorio. Negli anni il progetto di riordino che prevede lo spostamento dell’Agenzia, sembrava definitivamente accantonato. Per il momento vogliamo affermare con forza, che sulla vicenda dell’Agenzia non accetteremo una via diversa, Reggio non assisterà inerme a questo scippo”.

0 Condivisioni