Province

Aeroporti, avviata la procedura per agevolare i voli da Crotone e Reggio Calabria

Scritto da:

Si è tenuta al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti una riunione ufficiale per l’avvio delle procedure finalizzate ad assicurare la continuità territoriale per le aree del territorio servite dagli aeroporti di Crotone e di Reggio Calabria. Lo comunica una nota della Regione. La riunione, convocata dal Capo di Gabinetto del Ministro, Gino Scaccia, ha visto la partecipazione dei rappresentanti della Direzione Generale dello stesso Ministero per gli Aeroporti e il Trasporto Aereo e di Enac. Per la Calabria erano presenti l’assessore regionale alle Infrastrutture, Roberto Musmanno, e il Presidente della Sacal S.p.A., Arturo De Felice.

Nel corso della riunione è stata verificata la possibilità di imporre oneri di servizio pubblico per i servizi di trasporto aereo sugli scali di Crotone e di Reggio Calabria. E’ stata inoltre illustrata la procedura amministrativa che prevede, a valle dell’invio del progetto preliminare di attivazione di rotte che assicurino la continuità territoriale e il successivo esame per una prima simulazione del costo del servizio, l’indizione di una conferenza dei servizi da parte del Presidente della Regione Calabria. Seguirà il bando internazionale per la ricerca degli operatori interessati.

«Siamo soddisfatti dell’esito di questo primo incontro – ha dichiarato l’assessore Musmanno a margine della riunione – in primis, perché grazie al contributo finanziario congiunto del Governo e della Regione Calabria sarà possibile assicurare adeguata copertura finanziaria su rotte a domanda debole sotto forma di corrispettivo, similmente a quanto avviene per il Trasporto Pubblico Locale. La procedura di simulazione dei costi sulla base del piano dei voli che Sacal sta affinando consentirà di determinare forme adeguate di compensazione per le compagnie aeree interessate a partecipare al bando ed evitare quindi che la gara vada deserta, come purtroppo è accaduto in passato. Ci sono notevoli opportunità, anche di incidere sulle tariffe, che possono essere proposte differenziate a seconda delle stagioni, oppure ad esempio per fasce di età. Tutte opportunità che stiamo studiando assieme alla Sacal, per giungere entro la fine di gennaio all’invio del piano richiesto. Purtroppo si è meno soddisfatti circa i tempi richiesti dalla procedura per l’emissione e la chiusura del bando internazionale, ma proveremo anche su questo a lavorarci su».

Condividi su Whatsapp
112 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA