Province

Aeroporti di Crotone e Reggio: la Sacal batte cassa, senza soldi pubblici non si vola

Due incontri, con i Sindaci dei Comuni del crotonese e il Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria, sulle problematiche degli aeroporti di Crotone e dello Stretto, nel quadro dell’obiettivo strategico dello sviluppo di tutto il sistema aeroportuale regionale, si sono svolti oggi a Lamezia Terme.

Agli incontri hanno partecipato il Presidente di Sacal Arturo De Felice, con lo staff tecnico, il Sindaco di Crotone Ugo Pugliese e quelli della provincia ed il Sindaco della città metropolitana, Giuseppe Falcomatà.

In relazione all’aeroporto di Crotone è stato sottoscritto un accordo riguardante sia il contributo, attraverso le royalties, degli  otto comuni dell’area costiera, nonché degli altri enti locali  della provincia di Crotone. I sindaci costieri si sono detti disponibili a versare fino ad un massimo del 15% (per tre anni) delle royalties dovute al fine di tenere in vita lo scalo di Sant’Anna. In cambio però si aspettano che Sacal presenti un piano industriale che guardi al futuro dell’aeroporto.

In relazione all’aeroporto dello Stretto, sono stati esaminati i problemi connessi al potenziamento strutturale e alle possibili collaborazioni tra la Città Metropolitana e Sacal nella gestione dei servizi commerciali e di promozione turistica del territorio.

“La scelta del potenziamento di tutto il sistema aeroportuale calabrese – ha dichiarato il Presidente Mario Oliverio – è una scelta irreversibile. Dopo una infausta stagione che ha portato al fallimento delle gestioni di Reggio Calabria e Crotone, con la gestione unitaria da parte di Sacal degli aeroporti calabresi, si è aperta una stagione nuova. Le riunioni di oggi hanno consentito un notevole passo avanti nella collaborazione tra Regione, Comuni interessati e Sacal”.

“E’ auspicabile -ha concluso Oliverio- che anche i parlamentari, espressione delle forze di governo, diano un contributo con atti concreti, allo sviluppo del sistema aeroportuale calabrese”.

Dallo scalo di Crotone potrebbe continuare a volare Ryanair che si è detta disponibile a mantenere la rotta per Bergamo fino a marzo e ad ampliare poi l’offerta con un altro volo nazionale e ben due internazionali.

11 Condivisioni