Attualità Crotone Cucina Cultura Io scelgo Calabria Notizie TICKERS Turismo

Al Porto Vecchio di Crotone la pasta è un trionfo di gusto e genuinità

Scritto da:

La pasta rappresenta il cuore della cucina italiana. Ma è al Sud, nell’antica Magna Grecia, che la pasta ha le sue radici più profonde, a partire dalla materia prima con la quale viene realizzata: il grano duro. Le condizioni climatiche del Mezzogiorno rendono coltivabile, con esisti straordinari, il grano duro, dal nome scientifico “Triticum turgidum durum”. Dal grano duro nasce la semola, che è appunto alla base dell’ottima pasta e del saporitissimo pane della tradizione contadina meridionale, mentre la cosiddetta farina (soprattutto le tipologie 0 e 00) con la quale si realizzano pizze, dolci e anche alcune tipologie di pasta fresca o di pane, proviene dal grano tenero (Triticum aestivum), coltivato nelle regioni italiane del nord. Insomma: il grano del Sud, della splendida Magna Grecia, è quello duro, che è tra l’altro più ricco di carotenoidi che gli conferiscono un colore giallo-dorato e ambrato: si pensi al meraviglioso e squisito Pane di Cutro, o di altre aree della Calabria o della Puglia (ad esempio il celebre Pane di Altamura).

E con il grano duro si caratterizza anche la pasta del Sud. Al Porto Vecchio di Crotone la pasta e i primi piatti di pasta, con condimenti che privilegiano il pesce dello Jonio, il pomodoro locale, le verdure gli ortaggi e i profumi dell’orto, rappresentano un punto di riferimento primario, un’esperienza gustativa e culturale unica. Sono state selezionate le migliori paste del Mezzogiono d’Italia, fresche o secche, privilegiando quelle realizzate a pochi chilometri di distanza, nella PreSila catanzarese, dove anche l’assoluta qualità dell’acqua gioca un ruolo fondamentale. Il pastificio prescelto valorizza al massimo i grani antichi e locali, come nel caso del Senatore Cappelli, la cui riscoperta rappresenta oggi uno dei punti di forza della cerealicoltura meridionale. Accanto al miglior grano duro anche farine di altri cereali, quali la segale, o addirittura di castagna. Né si trascuri che alcune paste speciali, come quella con il nero di seppia, offrono ai cuochi del Porto vecchio spunti creativi non comuni.

Il Porto Vecchio è un ristorante? Certo, ma è soprattutto un centro di degustazione di eccellenze agroalimentari mediterranee che rispondono alla filosofia del Magna Grecia Lifestyle. A partire dalla pasta!

Condividi su Whatsapp
13 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA