Attualità Notizie Primo Piano TICKERS Ultima Ora Coronavirus Video

Alla stazione di Lamezia per l’apertura della Fase 2, tra arrivi e partenze pieni di stanchezza e commozione

Una mamma pronta a non poter riabbracciare sua figlia in arrivo da Londra; un signore di Parma che finalmente può tornare dalla sua famiglia. Partenze e arrivi s’intrecciano alla stazione di Lamezia Terme, tra controlli serratissimi e tamponi da poter effettuare all’arrivo.

Sono più di un centinaio di tamponi fatti nei posti di controllo allestiti sull’autostrada A2 e sulla statale 106 in vista dei rientri dei calabresi bloccati in altre regioni dal lockdown. Le postazioni si trovano a Frascineto, nell’area di servizio “Frascineto Ovest” sulla A2, dove sono attive sei squadre con medici e infermieri; a Roseto, nei pressi del Castello, dove ci sono anche due pattuglie di carabinieri della compagnia di Corigliano e a due pattuglie della Guardia di finanza del Gruppo Sibari. Nelle prossime ore è atteso un aumento del flusso di viaggiatori e di tamponi il cui esito verrà comunicato nel giro di 24/72 ore al diretto interessato e alle strutture preposte. Il tampone sarà ripetuto nei prossimi giorni ed in caso di doppia negatività il soggetto interessato potrà sospendere anzi tempo la quarantena.

In totale sono circa 400 i calabresi che faranno rientro nell’arco delle 24 ore, in regione, utilizzando il treno come mezzo di trasporto. Al loro arrivo in stazione, ad attenderli, gli uomini della Polfer e i sanitari che fanno parte dell’equipe dei laboratori mobili. Ogni passeggero sarà sottoposto al controllo della temperatura, verrà informato sull’obbligo di registrarsi sul sito della Regione Calabria e dovrà rispettare i 14 giorni di isolamento domiciliare.

46 Condivisioni