Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Maltempo in Calabria: la fascia jonica la più colpita nella notte (FOTO)

E’ stata una nottata piuttosto dura dal punto di vista metereologico: forti raffiche di vento e temporali imponenti hanno fatto da padrone sulla nostra regione. A quanto appreso, la fascia jonica calabrese è stata la più colpita: nella stazione pluviometrica di Mesoraca-Fratta – riferisce l’Arpacal – ricadente nel bacino idrografico del fiume Tacina, la precipitazione cumulata in 12 ore ha superato il valore 170 mm, valori intorno a 140 mm sono stati registrati a Cropani ed a Petronà. Anche sul versante Ionico Reggino sono stati registrati valori rilevanti, più di 100 mm in 12 ore, ad Antonimina Canolo Nuovo, a Platì ed a San Luca. Valori più bassi, ma comunque significativi sono stati registrati anche nell’alto Ionio Cosentino, ad esempio ad Albidona, dove sono stati misurati quasi 90 mm in 9 ore.



A Crotone si sono registrate forti raffiche di vento che hanno fatto cadere anche vari alberi e alcuni segnali stradali: la foto di copertina – e quella quì sopra – sono state scattata alle spalle del teatro “Bentivegna”, dove sono caduti alcuni rami dagli alberi. Sempre questa mattina sono stati registrati altri danni causati dalla forza del vento che ha sradicato alberi e rami: colpito anche un mezzo della Rai nei pressi del Parco delle Rose, sempre nel capoluogo pitagorico. Al momento, secondo quanto riferisce l’Ansa, ai vigili del fuoco non risultano né danni a persone, né situazioni di particolari criticità. Numerosi sono stati comunque gli interventi.


Isola Capo Rizzuto: dopo le elezioni i Carabinieri lasciano un messaggio ai piccoli studenti sulla lavagna

“Cari bambini, grazie per averci ospitato nella vostra scuola. I vostri disegni hanno allietato la nostra permanenza. Studiate, imparate, divertitevi, e soprattutto siate liberi di scegliere con le vostre menti. Il futuro siete voi, il mondo ha bisogno di voi. Noi saremo sempre al vostro fianco!!!” È il messaggio che hanno lasciato i Carabinieri su una lavagna nella scuola della frazione Capo Rizzuto, ad Isola Capo Rizzuto – nel Crotonese – dopo il turno elettorale che ha visto protagonista il comune in provincia di Crotone. Un messaggio ricco di speranza dedicato ai più piccoli, futuro di questa terra, che rientreranno a breve a scuola.

(fonte foto: profilo Facebook Valentina Carvelli)


Si dimette il sindaco di Crotone: revocato il divieto di dimora

Il sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, rassegna le sue dimissioni. Coinvolto nell’inchiesta sulla gestione della piscina comunale (per cui gli è stato notificato dalla Polizia il divieto di dimora a Crotone), Pugliese è stato sentito questo pomeriggio dal Gip del Tribunale di Crotone Michele Ciociola. “A lui – scrive il suo avvocato difensore Francesco Laratta – ha espresso la sua volontà, indipendentemente dall’esito dell’interrogatorio di garanzia, di dimettersi dalla carica di primo cittadino, per poter essere libero di difendersi nel processo e poter dimostrare a tutti, in maniera inequivocabile, di essere estraneo a tutti i fatti contestati e di non essere assolutamente ‘ancorato’ ad alcun incarico o poltrona. Ha però choesto al giudice di potersi dimettere da ‘Sindaco in carica’ e non già da ‘Sindaco sospeso’”.

Il gip “ha immediatamente raccolto il parere favorevole del pm (Alessandro Rho) alla revoca della misura imposta, ed in calce al verbale ha subito revocato la misura del divieto di dimora

Pochi minuti prima era arrivato anche un comunicato con le dimissioni del consigliere comunale Alberto Laratta: “Tale sofferta, ma ponderata decisione – ha scritto l’ex consigliere comunale di Laboratorio Crotone – in ragione dell’attività professionale di avvocato penalista che svolgo. Infatti lo studio legale del quale mi onoro di fare parte assiste il Sindaco della città di Crotone nella nota vicenda afferente la piscina olimpionica e questa situazione potrebbe pormi in una eventuale posizione potenziale di incompatibilità. Incompatibilità che elimino, in radice con questa mia scelta”. “Ho creduto fermamente in quello che ho fatto – prosegue Laratta – e mi sono speso per il bene della collettività riuscendo anche a dare,nella mia qualità di presidente della Commissione per il Regolamento, il nuovo strumento che regola l’attività del Consiglio comunale rinnovato dopo oltre 20 anni dalla sua precedente stesura. Non è stata una decisione facile ma nella vita bisogna avere il coraggio di prendere le giuste decisioni al momento opportuno e, questo momento era giunto. Ringrazio il sindaco, al quale sono legato da un vero affetto filiale, il Presidente del Consiglio per tutti i preziosi consigli dati in questi anni e ringrazio, altresì , tutti i colleghi consiglieri comunali, siano essi di maggioranza che di opposizione, per la proficua collaborazione e gli attestati di vera e sincera stima sia personale che professionale”.


Via al “III Memorial Gianfranco Riga”: in campo per ricordare il compianto editore di Video Calabria

Due settimane di tennis nel ricordo di Gianfranco Riga, per ricordarlo attraverso lo sport che amava di più. Ha preso ufficialmente il via la terza edizione del Memorial intitolato al compianto editore di Video Calabria, prematuramente scomparso nel febbraio del 2015. Due settimane di tennis in cui – sui campi del Valentino tennis club di Crotone – si affronteranno in 63, tra vecchi amici di Gianfranco e tennisti da ogni parte della Calabria.

L’avvio della manifestazione è stato preceduto da una giornata dedicata al Wilson day, che ha messo in contatto – tra l’altro – due dei club che hanno collaborato all’organizzazione del torneo, come spiega il maestro del Circolo tennis Lamezia Raffaele La Scala


Assunzioni senza concorso alla Regione, Melicchio (M5S): “Stanno cercando di occupare quante più poltrone possibile” (VIDEO)

Il deputato del M5S Alessandro Melicchio ritorna sulla vicenda che aveva sollevato qualche giorno fa, legata ad alcune stabilizzazioni effettuate presso la Regione Calabria senza alcun concorso. Una procedura, dice, che non è possibile per chi ha iniziato a lavorare in Regione con un contratto fiduciario.

“Le reazioni alla mia denuncia sul tentativo di prorogare le figure apicali del Consiglio Regionale calabrese, mettendo un’ipoteca sulla prossima legislatura – scrive Melicchio – e sui tentativi di stabilizzare gli accoliti in possesso di contratti fiduciari alle dirette dipendenze dei politici calabresi, mi fanno capire che la situazione è ancora più grave di quanto appariva. Mi sono rivolto al Presidente Irto in merito alla modifica del regolamento degli uffici e dei servizi e invece mi si è risposto con una nota anonima di generici “uffici del consiglio regionale”. C’è una completa e totale identificazione, nella Regione Calabria, tra la parte politica e la parte burocratica-amministrativa? Ci sono funzionari, nella nostra regione, che si sentono alle dipendenze della classe politica invece che dello Stato o ci sarà un moto di indignazione di tutti quei dipendenti regionali che pensano a fare solo il proprio lavoro (e sono la stragrande maggioranza) e sono stanchi delle vessazioni e delle influenze di questa fallimentare classe politica?”

“Basta leggere la modifica al regolamento apportata dall’Ufficio di Presidenza il 22 ottobre – prosegue – per trovare quella proroga che loro dicono che non esiste e invece c’è. All’articolo 16 comma 1 troviamo scritto, testualmente, che, il segretario generale e il direttore generale ‘sono rinnovabili per un periodo di durata compreso tra un minimo di tre e un massimo di cinque anni’. Vogliono imporre, prorogandolo, l’attuale segretario generale al prossimo governo della regione, per mantenere il controllo della burocrazia anche quando verranno spazzati via dalle elezioni. Rinnovo la diffida al Presidente Irto”.

“Ma sono stato costretto – aggiunge Melicchio – a tornare anche sulle stabilizzazioni previste dal piano di fabbisogno triennale. Dopo la mia denuncia anche il Consigliere Bova, che ha presentato una interrogazione in regione, si è accorto che tra coloro che hanno autocertificato i tre anni di servizio potrebbero trovarsi anche i fedelissimi, sistemati dalla politica, che però hanno un contratto fiduciario che è assolutamente esente dalle procedure di stabilizzazione previste dalla Legge Madia. L’onorevole Wanda Ferro, invece, non si capisce perché si sia rivolta al Governo, con una interrogazione che ricopia le esatte parole da me utilizzate nel mio primo intervento, e non chieda conto di quella che lei chiama una “nebulosa operazione” ai consiglieri regionali di centrodestra. Il MoVimento 5 Stelle invece continuerà a segnalare, anche per un possibile danno erariale, squallide operazioni di fine regime del potere politico e burocratico delle Giunte regionali e degli uffici di Presidenza del Consiglio regionale responsabili di eventuali illegittimità”.

(fonte video: pagina Facebook Alessandro Melicchio)


Musica: apre i battenti il laboratorio MAR, “Music Against Racism”

Apre i battenti MAR, Music Against Racism, il laboratorio musicale che, da un lato, vuole educare gli studenti alla cultura della fratellanza e dell’uguaglianza dell’antirazzismo attraverso lo studio e l’esempio degli artisti internazionali, dall’altro guidarli nella realizzazione di un prodotto creativo che possa essere sintesi e simbolo di un’idea e di un messaggio univoco di fratellanza. Realizzato dall’istituto comprensivo Cassiodoro-Don Bosco di Pellaro – nel Reggino – in collaborazione con artisti e musicisti del circuito “Calabria Sona” con il sostegno di Mibac e di SIAE nell’ambito del programma “Per chi crea”, e il patrocinio gratuito del Comune di Reggio Calabria, il progetto è stato presentato alla Pinacoteca di Reggio Calabria alla presenza di rappresentanti del MAR e del mondo delle istituzioni.
«Oltre all’importanza della tematica ovviamente trattata e al coinvolgimento dei giovani – ha dichiarato il direttore generale di “Calabria Sona” Giuseppe Marasco – ci sono due aspetti importanti che si inquadrano nel lavoro che sta facendo Calabria Sona: coinvolgere in questi progetti le esperienze dei nostri artisti calabresi (e ne abbiamo di importanti e validi); la Siae ha approvato e sta sostenendo un progetto calabrese, pensato e scritto da un team di Calabria Sona che interviene sul territorio e fa crescere i nostri ragazzi ma anche i nostri artisti, e questo ci fa pensare di andare avanti e continuare in  questo lavoro di interazione, collaborazione e contatti ad alti livelli con gli attori del mondo musicale italiano».

Elezioni comunali: ballottaggio a Lamezia e Isola; Brancaleone resta commissariata

Tornata elettorale in sette comuni calabresi sciolti per infiltrazioni mafiose. In due, Lamezia Terme e Isola Capo Rizzuto, si andrà al ballottaggio il prossimo 24 novembre

Lamezia Terme

Sarà ballottaggio tra il sindaco uscente Paolo Mascaro (da pochi giorni confermato candidabile dopo lo scioglimento) e il promoter Ruggero Pegna. Mascaro, sostenuto da liste civiche, ha superato il 40% dei consensi; attorno al 30% Ruggero Pegna, candidato con Fratelli d’Italia, Forza Italia e Udc. Nulla da fare per il candidato del Partito Democratico Eugenio Guarascio. restano sotto il 10% il candidato del centrosinistra Rosario Piccioni, quello di destra Massimo Cristiano e quello dei 5 stelle Silvio Zizza. Molto bassa l’affluenza alle urne, col 54,99%

Isola Capo Rizzuto

Nel comune del crotonese sarà ballottaggio, invece, tra Maria Grazia Vittimberga  (già presidente del consiglio comunale nel 2000) e Maurizio Piscitelli, storico esponente del centrodestra, ex consigliere di maggioranza. Affluenza al 52,99% degli aventi diritto. Fuori dai giochi Raffaele Gareri 

Cassano allo Jonio

Gianni Papasso sarà per la terza volta sindaco di Cassano allo Ionio. Con l’affluenza al 59%, Papasso ha sconfitto Francesco Lombardi. Entrambi erano alla testa di coalizioni civiche.

Marina di Gioiosa Jonica

Il nuovo sindaco è Geppo Femia, che con il 66% delle preferenze si è imposto su Giuseppe Belcastro.

Brancaleone

Il centro del Reggino continuerà ad essere gestito dai commissari fino alle nuove elezioni fissate in primavera. Con l’affluenza ferma al 49%, elezione non valida per l’unico candidato Silvestro Garoffolo.
Petronà

Vincenzo Bianco è il sindaco di Petronà. in un serrato testa a testa il 62enne ha sconfitto Vincenzo Mazzei. Alle urne il 55,10% degli avanti diritto.

Cropani

Nel comune con la percentuale di affluenza alle urne più alta, il 74%, Raffaele Mercurio la spunta su Luigi Le Pera, capogruppo d’opposizione.

Auto si ribalta sulla provinciale a San Costantino Calabro, un morto e un ferito

E’ di un morto, Michele Gullone, di 39 anni, e di un ferito grave il bilancio di un incidente stradale avvenuto sulla strada provinciale 77 a San Costantino Calabro, nel vibonese.
Gullone era a bordo di un’auto che, per cause in corso di accertamento, si è ribaltata. Al trentanovenne, al quale per la gravità delle condizioni, era stata praticata sul posto la rianimazione, è deceduto nell’ospedale di Vibo Valentia dove era stato trasportato dal Suem 118.
Insieme alla vittima nell’auto c’era un suo amico, di 40 anni, che ha riportato vari traumi e dopo essere stato portato nel nosocomio vibonese verrà trasferito nel reparto di Neurochirurgia dell’ospedale di Catanzaro.
Sul posto dove si è verificato l’incidente sono intervenuti i carabinieri e i vigili del fuoco.


Memorial Gianfranco Riga, i risultati della prima giornata (foto)

Ha preso il via con una intensa giornata di incontri il III Memorial “Gianfranco Riga” di tennis. Al Tennis club Valentino di Crotone, che ospita il torneo, sono andati in scena quattro incontri al mattino e cinque il pomeriggio. Questo l’esito degli incontri del mattino:
Scigliano – Capalbo 6-1; 6-1
Leotta – Tripaldi 6-4; 6-7; 7-6
Ferrarelli – Pignolo 6-0; 7-5
Manigrassi – Oliverio 6-2; 6-2





Isola Capo Rizzuto, spara al genero che maltratta la figlia e i nipoti

Avrebbe deciso di punire il genero sparandogli alcuni colpi di pistola contro, ma mancando il bersaglio, a causa dei maltrattamenti continui di quest’ultimo nei confronti della propria consorte e dei figli. Un uomo di 63 anni è stato arrestato dai carabinieri a Isola Capo Rizzuto con l’accusa di tentato omicidio.
L’uomo avrebbe sparato contro il genero di 39 anni mentre questi si apprestava a salire sulla propria auto senza però riuscire a colpirlo e danneggiando solo la carrozzeria della vettura.

L’arma utilizzata, legalmente detenuta dallo sparatore, è stata sequestrata assieme ai bossoli e al rimanente munizionamento. Il trentanovenne è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto per maltrattamenti in famiglia.


Maltempo, prevista allerta arancione sulla Calabria per la giornata di lunedì


Sarà un inizio settimana nel segno del maltempo: previste pioggia e temporali, tanto che la Protezione Civile ha lanciato l’allerta meteo di colore giallo sul Tirreno cosentino, è arancione per tutto il territorio regionale. Questo il bollettino per domani:

“Messaggio di Allertamento Unificato emesso oggi ha valenza di AVVISO DI CRITICITA’. Si prevede:

– DOMANI 11.11.2019 dalle ore 12:00 alle ore 24:00

CRITICITA’ METEO MARINO – COSTIERA:

Piogge e temporali diffusi… More su Cala 4, 6, 7 e 8. Piogge e temporali sparsi su Cala 3 e 5. Piogge sparse e temporali isolati su Cala 1 e 2.

CRITICITA’ IDROGEOLOGICHE E/O IDRAULICHE: Allerta ARANCIONE su Cala 3, 4, 5, 6, 7 e 8. Allerta GIALLA su Cala 1 e 2”.

 

 


“Io Scelgo Calabria”: la Frutta di Martorana, chef specializzati in prodotti del territorio, la trebbiatura del mais

Nuova puntata di “Io Scelgo Calabria”, trasmissione televisiva che fa capo all’omonimo e articolato progetto di comunicazione integrata gestito da Mgls Srl. “Io Scelgo Calabria” mira, grazie alle leve dell’identità territoriale, del sostegno alle piccole e medie imprese, della comunicazione professionale, del marketing costruito sulle radici culturali, a promuovere lo sviluppo sano della regione sul piano economico e sociale. La Calabria ha tanti drammi con i quali si confronta quotidianamente e, nel suo complesso, è governata male (spesso molto male!). Nessuna delle emergenze storiche è stata risolta (basso livello del Pil, disoccupazione, sottoccupazione, rifiuti, disservizi pubblici, percentuale quasi irrilevante di esportazioni rispetto al totale nazionale, ecc.), e quindi occorre rimboccarsi le maniche mettendo in rete la Calabria migliore, fatta da gente che lavora, che rischia in proprio, che si sacrifica, che non vive solo di clientele o di patti sciagurati con quella politica che dovrebbe vergognarsi di esistere.

“Io Scelgo Calabria” è stata con le proprie telecamere a Bianco (Rc) per condurvi alla scoperta della Frutta di Martorana, dolce tipico della tradizione prima di tutto sicula e poi reggina, particolarmente legato al Culto dei Morti. La Frutta di Martorana, dai colori sgargianti, è composta in prevalenza da mandorle. Ce ne ha spiegato i segreti Stefano Canturi, titolare dell’omonima e pregiata pasticceria artigianale. Sempre a Bianco, servizio della giornalista Francesca Travierso, sulla Scuola per Chef organizzata dalla Fondazione “Elena e Pietro” in un bellissimo palazzo appositamente ristrutturato. La Fondazione fa capo alla famiglia di Arturo Pratticò, noto e stimato agricoltore di Africo Nuovo (Rc), specializzato nella trasformazione di pomodoro e di bergamotto. Giovani valenti avranno la possibilità, grazie al progetto “Uno chef per Elena e Pietro” di approfondire in maniera adeguata la conoscenza e l’uso in cucina dei prodotti del territorio. Ultima tappa sul Monte Poro (Vv) per documentare la trebbiatura del mais da granella che il giovane imprenditore Michele Dotro di Spilinga utilizza per la produzione di ‘Nduja da filiera corta e d’eccellenza. Il mais da granella è infatti un componente fondamentale per la nutrizione sana dei maiali allevati in proprio. Accanto a Dotro è stato intervistato l’esperto allevatore Pino Pugliese, che si è soffermato anche sull’utilizzazione del mail per l’allevamento bovino. Alla fine della trasmissione un salto a Reggio Calabria per approfondire alcuna spetti della filiera del Bergamotto (ne riparleremo meglio nella prossima puntata, con interviste della giornalista Antonella Iacobino).

La trasmissione è curata da Massimo Tigani Sava, direttore editoriale del Gruppo VideoCalabria. Ed è appunto sull’ammiraglia VideoCalabria (canale 13 del digitale terrestre) che va in onda la trasmissione. Ma non solo. L’editore del Gruppo, Salvatore Gaetano, in virtù delle tante collaborazioni avviate, ha deciso di mandare in onda la trasmissione anche su Esperia Tv (canale 18 del digitale terrestre), Reggio Tv (canale 14 del digitale terrestre), Ten (canale 10 del digitale terrestre). Su VideoCalabria, nelle stesse date e orari, è possibile seguire “Io Scelgo Calabria” anche in streaming internet: www.videocalabria.tv, sezione Diretta. Articoli di approfondimento su TgCal24 (www.tgcal24it) e su Local Genius (www.localgenius.eu), Giornale delle Identità Territoriali. Ampi richiami sulle diverse pagine social del Gruppo cui fanno capo circa 200.000 followers, fra Facebook e Twitter.

MESSA IN ONDA SU 5 TV CALABRESI

Esperia Tv (canale 18): sabato 9 novembre, ore 14.30;

Rtv (canale 14): sabato 9 novembre, ore 21.20;

VideoCalabria (canale 13): domenica 10 novembre ore 12.30; lunedì 11 novembre ore 23.00; mercoledì 13 novembre, ore 21.00.
VideoCalabria è in onda anche in tutta la Sicilia sul canale 601 del digitale terrestre.

Ten (canale 10): giovedì 14 novembre, ore 15.00.

Capriccio (canale 197): a rotazione


Bonifica a Crotone, i dubbi delle associazioni sul Pob fase due

Ieri pomeriggio si è tenuto a Crotone un incontro organizzato dall’associazione Le colline dei veleni con la fondazione Santa Critelli in merito alla bonifica dell’ex area industriale pitagorica, anche e soprattutto a margine dell’approvazione da parte della conferenza dei servizi al Ministero dell’Ambiente della fase due del Piano Operativo di Bonifica, avvenuto lo scorso 24 ottobre. Un incontro – a quanto appreso – voluto per capirci di più e per confrontarsi con la comunità: a relazionare in merito, l’ingegnere Vincenzo Voce de La collina dei veleni, Tina De Raffaele di Crotone ci mette la faccia, Alessandra Costarella di Restart Kroton, introdotti da Antonio Arcuri della Santa Critelli, e moderati dalla giornalista Antonella Marazziti.

«Non sarà nemmeno una buona messa in sicurezza permanente – ha dichiarato Voce – le criticità sono al 90% nel sito di Pertusola dove c’è una vastissima area, circa 25 ettari, usata come sito di stoccaggio delle ferriti di zinco, per cui la contaminazione è arrivata fino in profondità. Questo implica che, in base al Pob fase 2, non sarà rispettata l’analisi di rischio sitospecifica, ovvero un’analisi che valuta il rischio cancerogeno degli inquinanti nel lungo periodo: l’analisi di rischio di Syndial (la controllata di Eni che deve bonificare il sito n.d.r.) ha determinato che nel primo strato di un metro del sito di Pertusola, il cadmio deve esser di valore 15 milligrammi per chilogrammo, l’arsenico 50, e il piombo 1000. Quei suoli resteranno con cadmio a 2000, piombo 10000: quindi, l’analisi di rischio non sarà rispettata. Inoltre, gran parte del sito di Pertusola sarà messo in sicurezza permanente, ma questa procedura – benchè sia legale – si fa quando non ci sono tecnologie idonee a rimuovere gli inquinanti. Il nodo fondamentale è quello della mancata messa in sicurezza permanente: Ispra, nelle conferenze di servizi, hanno fatto presente che una parte di quei suoli che ricadono nell’area ex Impianti, contengono dei rifiuti – “materiali di riporto” – a contatto con la falda. La stessa, salendo in inverno, li diffonde, e dunque verrà meno anche la messa in sicurezza permanente».

Sul tema della bonifica se ne stanno occupando anche molti studenti pitagorici che hanno formato il gruppo Restart Kroton, voluto per capirci di più, e che di recente ha anche interpellato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa: «non vogliamo andare via dalla nostra terra – ha dichiarato Alessandra Costarella – vogliamo che ritorni a come era prima. Non siamo tecnici, ma cittadini: basta prendere i dati con la consapevolezza e la voglia di dare delle risposte, prendere informazioni che non ci vogliono dare». Un dato allarmante nel territorio crotonese, soprattutto negli ultimi anni, è l’aumento dei morti e dei casi tumori – anche se, è giusto sottolinearlo, non c’è una correlazione scientifica tra la presenza delle fabbriche e dei veleni, e questi casi. «Bastano i numeri dei malati – ha dichiarato Tina De Raffaele – i numeri dei decessi, e i numeri dei nuovi casi di tumore. Non possiamo dimostrarlo scientificamente, però l’incidenza tumorale è alta». Crotone ci mette la faccia è un gruppo di persone che ha visto e vede da vicino quanto male sta facendo il cancro a Crotone, ed è stata la prima associazione che ha rotto il silenzio sulla malattia, facendo venir fuori questa problematica: «dopo la nostra battaglia – ha affermato – il tabù della malattia è caduto e sta uscendo fuori qualcosa di veramente pauroso».

Giuseppe Laratta


Soriano, i Carabinieri cercano armi e trovano statue ed anfore del XIII secolo (FOTO)

Aveva nascosto in una rimessa nella sua disponibilità, tra materiale di risulta, quattro statue raffiguranti leoni e due anfore funebri rilasenti al XIII secolo. Un uomo di 64 anni è stato denunciato in stato di libertà dai carabinieri a Soriano Calabro per ricettazione ed impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato.
I militari, nell’ambito di una perquisizione per la ricerca di armi eseguita insieme ai colleghi dello Squadrone eliportato Cacciatori di Calabria, hanno individuato le statue, in marmo bianco e rosa. I carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale della Calabria hanno accertato che le opere sono protette dal Codice dei beni culturali per il loro valore, storico, artistico ed ecclesiastico. Su una delle anfore è raffigurata, in bassorilievo, una scena con cavalli e due puttini appartenenti, verosimilmente, ad una base di altare ecclesiastico.





you're currently offline