sabato, 20 aprile 2024

Approvato l’aggiornamento al Piano rifiuti della Calabria

Seduta di Consiglio Regionale ieri pomeriggio: l'Assise ha approvato anche il rendiconto 2022 dell'Aterp e l'istituzione del Siscal

Raccolta differenziata al 75% nel 2025 e all’80% nel 2027, «eliminazione definitiva del ricorso alla discarica», centralità del termovalorizzatore di Gioia Tauro «per chiudere il ciclo di gestione». Si basa su questi tre punti l’aggiornamento al piano rifiuti della Calabria, approvato nell’ultima seduta del Consiglio Regionale in base agli obiettivi delle Direttive dell’Unione Europea. Il punto è stato discusso dal consigliere Pietro Raso che ha riferito in Aula che gli effetti del Piano, “si potranno già  vedere entro il 2024, quando è previsto un conferimento in discarica da 229 mila tonnellate a 185 mila tonnellate di rifiuti”. Scettico, in merito, il consigliere e capogruppo del Movimento 5 Stelle Davide Tavernise.

Tra gli altri punti approvati da Palazzo Campanella, il rendiconto dell’esercizio 2022 dell’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale pubblica (Aterp), e la proposta di legge, con l’autorizzazione al coordinamento formale, che istituisce il Siscal, il Sistema statistico Calabria. Una norma – ha affermato il consigliere relatore, Pierluigi Caputo – che andrà  a disciplinare le attività di rilevazione, elaborazione, analisi, diffusione e archiviazione dei dati statistici, con l’obiettivo di coinvolgere” Regione, istituzioni locali ed università. La proposta di legge contiene la promozione della fruizione dei dati statistici nell’ambito del portale ‘Calabria Open Data.

interviste:
Davide Tavernise – consigliere regionale M5S
Filippo Mancuso – pres. Consiglio Regionale