Cronaca Notizie Reggio Calabria

Arrestato autore dell’incendio dell’auto della polizia municipale di San Giorgio Morgeto (VIDEO)

L'uomo pretendeva di ricevere 70.000 euro dal Comune per un terreno di famiglia incamerato 25 anni fa

I carabinieri del nucleo operativo di Aosta e di Gioia Tauro hanno arrestato ad Aosta il 31enne, originario di San Giorgio Morgeto, che nella notte tra il 21 ed il 22 aprile scorso si era introdotto nel cortile degli uffici del comune reggino, dando fuoco ad un’auto della polizia locale. Nonostante l’intervento tempestivo dei vigili del fuoco, le fiamme avevano completamente distrutto l’unica auto in dotazione ai vigili urbani, mentre le fiamme avevano raggiunto e danneggiato anche il cortile ed i muri del Comune. L’uomo, che da anni era pendolare tra la Calabria e la Valle d’Aosta, era stato identificato dai carabinieri di Gioia Tauro, che immediatamente avevano avviato le indagini, individuando anche il movente. La mattina precedente l’accaduto, infatti, l’uomo si era recato presso gli uffici comunali pretendendo dagli impiegati la consegna di una somma di 70mila euro come pagamento di un terreno di famiglia incamerato 25 anni fa perché ritenuto di pubblica utilità per la realizzazione della Pedemontana, importante asse viario che congiunge i comuni dell’entroterra del comprensorio della piana di Gioia Tauro.
A confermare l’identità dell’uomo sono stati gli indumenti indossati durante il gesto, ripreso dalle telecamere di sorveglianza. I video immortalano l’uomo mentre si introduce nel cortile scavalcando il recinto. Dopo essersi introdotto, l’uomo ha versato del liquido infiammabile sull’autovettura per poi dargli fuoco. Fondamentale per l’esecuzione della misura cautelare la sinergia fra i carabinieri reggini e i corrispettivi valdostani che ha permesso di individuare dove il 31enne aveva trovato appoggio una volta partito da San Giorgio Morgeto. Sulla base di quanto osservato al momento dell’arresto, già allontanatosi dal territorio nazionale dopo i fatti di aprile, il pregiudicato aveva in programma di recarsi nuovamente all’estero. Il procedimento è attualmente pendente in fase di indagini e l’effettiva responsabilità della persona destinataria della misura cautelare, di concerto alla fondatezza delle ipotesi d’accusa mosse a suo carico, saranno vagliate nel corso del successivo processo. Non si escludono ulteriori sviluppi investigativi e probatori, anche in favore della persona sottoposta ad indagini.

Condividi su
0 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

DIRETTA VIDEOCALABRIA

Il meteo

Meteo Calabria

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com