Cosenza Cronaca Notizie Primo Piano

Atti intimidatori sui cantieri della ss 106 nella Sibaritide, i sindacati: «Si respira aria pesante»

Cgil-Cisl-Uil chiedono "misure determinate da parte dello Stato e della Magistratura" Scritto da: REDAZIONE

Le segreterie regionali e territoriali Cgil-Cisl-Uil, Fillea-Filca-Feneal sono “molto preoccupate per l’escalation criminale che si sta verificando sui cantieri della Sibaritide ed in modo particolare sulla Ss106“. Lo hanno reso noto le sigle sindacali in una nota stampa. “I reiterati atti criminali con danni ingenti alle imprese operanti nei cantieri, per come denunciato dagli stessi imprenditori – continuano i sindacati – mettono a rischio la sicurezza delle attività dei cantieri, dei lavoratori, delle imprese. Si torna a respirare un’aria pesante come non avveniva da diverso tempo e ciò impone misure determinate da parte dello Stato e della Magistratura. Serve un’azione sinergica, che possa rafforzare il territorio, oggi carente, di maggiori presidi di sicurezza, mezzi, dotazioni organiche adeguate per fronteggiare il fenomeno crescente di micro e macro criminalità”. “Nelle prossime ore, così come già fatto dalle federazioni di categoria – conclude la nota – chiederemo unitariamente al prefetto di Cosenza di convocare il Comitato per l’ordine e la sicurezza al fine di attivare ogni misura utile per dare il sostegno adeguato all’azione di denuncia fatta dalle imprese vittime degli attentati di queste settimane, non escludendo alcuna soluzione utile a mettere in sicurezza l’intera opera pubblica”.

Condividi su
0 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

DIRETTA VIDEOCALABRIA

Il meteo

Meteo Calabria

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com