domenica, 21 luglio 2024

Attivazione del corso di Medicina all’Unical: contrari la sottosegretaria Ferro ed il sindaco Fiorita

Il primo cittadino di Catanzaro sul piede di guerra: «Contrasteremo con tutti i mezzi l'indebolimento della nostra università»

immagine articolo Attivazione del corso di Medicina all’Unical: contrari la sottosegretaria Ferro ed il sindaco Fiorita

A partire dall’anno accademico 2023-2024 all’Unical di Cosenza partiranno quattro nuovi corsi, tra cui anche quello di Medicina (LEGGI LA NOTIZIA). Sul tema sono intervenuti il sindaco di Catanzaro, Nicola Fiorita, e la sottosegretaria Wanda Ferro.

«Non mi piacciono le guerre sante e le crociate – ha dichiarato in una nota il primo cittadino – ma posso fin d’ora dire che se all’istituzione della seconda facoltà di Medicina non corrisponderà un significativo allargamento dell’offerta didattica dell’Università di Catanzaro, l’Amministrazione Comunale contrasterà con tutti i mezzi a disposizione una decisione che indebolirebbe in maniera importante il ruolo della Magna Graecia. Seguiremo con estrema attenzione tutti gli atti amministrativi che saranno prodotti in tal senso dal Ministero dell’Università e dal CUN, verificando se esistono i requisiti previsti dalla legge per l’istituzione di un nuovo corso di laurea in medicina in una Regione di meno di due milioni di abitanti e in una città che non ha un Policlinico di riferimento. Mi spiace molto che la strada del dialogo che avevo indicato non sia stata tenuta nella giusta considerazione».

«Ho sempre espresso la mia contrarietà ad un progetto, quello della nascita di una seconda facoltà di Medicina all’Unical – ha dichiarato la Ferro – che parte da lontano, da quando l’ipotesi fu delineata nel 2011 dall’allora governatore Oliverio, ma che ha trovato forza perché è stato perseguito unitariamente da larga parte della politica cosentina, senza distinzioni di schieramento, insieme al mondo accademico. Ho sempre ritenuto la nascita di una nuova facoltà come una inutile duplicazione, che rischia di frammentare le risorse e dare vita a due realtà deboli, poco attrattive, che rischiano di essere penalizzate dai numeri, anche da quelli relativi alle prestazioni erogate cui sono legate le scuole di specializzazione, in un sistema della formazione universitaria che è sempre più  competitivo». «Anziché rafforzare la facoltà di Medicina di Catanzaro e il suo Policlinico – prosegue il sottosegretario – si è scelto di realizzare una seconda facoltà fotocopia a soli cento chilometri di distanza. Una scelta difficile da comprendere se si considera che la ricerca e la formazione dei medici richiedono sempre nuove esperienze e un continuo confronto con le realtà di tutto il mondo per costruire validi percorsi professionali. L’attivazione della nuova facoltà rischia quindi di penalizzare proprio la qualità della formazione dei futuri medici calabresi, e le stesse considerazioni varrebbero se ad esempio l’Università di Catanzaro decidesse di attivare – a questo punto legittimamente – una facoltà di Ingegneria. Anche per questo suscita perplessità la posizione di astensione del rettore De Sarro all’interno del Coruc, organismo che dovrebbe garantire una visione  organica e d’insieme del sistema universitario regionale, ma che soprattutto dovrebbe esprimere una posizione di lungimiranza e di responsabilità dei rettori, finalizzata alla qualità della formazione offerta ai giovani calabresi, che può essere garantita solo con il rafforzamento delle peculiarità di ciascun ateneo.  Un criterio di buonsenso prima ancora che di buona amministrazione, che sembra essere del tutto saltato, così come la stessa idea di ‘sistema’ universitario, in nome di miopi interessi di campanile».