lunedì, 22 luglio 2024

Autonomia differenziata, Voce: «Creerà cittadini di serie A e di serie B»

Il sindaco di Crotone è intervenuto sulla legge Calderoli e mette in guardia su cosa accadrà per le amministrazioni e la sanità

«Non è facile amministrare una città come Crotone. Soprattutto all’inizio abbiamo avuto tante di quelle difficoltà che non potete nemmeno immaginare. Quando un sindaco si insedia e trova l’amministrazione ridotta al lumicino, allo Stato non gliene frega niente: se ti puoi permettere di assumere tecnici, giardinieri o gli operai per la manutenzione, li prendi; viceversa, zero. Purtroppo con l’Autonomia differenziata sarà sempre peggio: le regioni che già oggi hanno un bel servizio di trasporto scolastico o locale, con i soldi che avranno a disposizione aumenteranno quei servizi per i cittadini. Al Sud, se la gente non lavora e ha difficoltà a mettere a tavola un pasto decente, capite bene che qui non paga i tributi. Non pagando i tributi, sono soldi che vengono meno alle amministrazioni comunali. Diciamo che stanno creando cittadini di serie A e cittadini di serie B dal punto di vista dell’amministrazione». Lo ha detto il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce, intervenendo a margine della premiazione delle associazioni pitagoriche che si sono distinte per la cittadinanza attiva.

«Per non parlare della sanità – ha proseguito Voce – già oggi noi ci troviamo in una situazione estremamente critica perchè è difficile trovare medici che vogliono venire a Crotone. Anzi, quest’anno c’è stata un’ulteriore emorragia per i concorsi a Catanzaro ed in altre sedi: hanno lasciato Crotone per andare in altre sedi. Immaginiamo cosa potrà accadere quando nel Veneto la Regione offrirà 2000 euro in più al mese ai medici. Questo è il dramma di questa legge».