Catanzaro Cronaca Crotone Notizie Primo Piano Reggio Calabria TICKERS

“Basso profilo”, ai domiciliari l’assessore regionale Franco Talarico per voto di scambio

In corso la conferenza stampa degli inquirenti

Tra le 48 persone coinvolte nella maxi operazione “Basso profilo” – oltre al segretario nazionale dell’Udc Lorenzo Cesa, che ha rassegnato le dimissioni dall’incarico (LEGGI QUI), vi è anche l’assessore regionale Franco Talarico, numero uno dello scudo crociato in Calabria, finito agli arresti domiciliari. A Talarico gli inquirenti avrebbero trovato pacchetti di voti su Reggio Calabria, quando lo stesso si era candidato nella città dello Stretto;  i pacchetti voti riconducibili alle cosche De Stefano e Tegano. Talarico è accusato di associazione di tipo mafioso (416 bis primo comma) e voto di scambio, ritenuto colpevole di aver consapevolmente chiesto voti a cosche De Stefano e Tegano.

A quanto appreso dalla conferenza stampa convocata dagli inquirenti – in corso proprio in questi minuti – si tratta di un’indagine su affari per 250 milioni di euro. Coinvolto il notaio Rocco Guglielmo di Catanzaro, interdetto per un anno e divieto di dimora. Coinvolto Tommaso Brutto, ex consigliere comunale di Catanzaro; l’imprenditore Antonio Gallo (settore forniture varie sicurezza e pulizia, Gallo Antinfortunistica Srl) attraverso Brutto sarebbe riuscito ad arrivare a Talarico.

+++ IN AGGIORNAMENTO +++

Condividi su Whatsapp
10 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA