lunedì, 04 marzo 2024

Bit 2024, Occhiuto: “La Calabria scrigno di bellezza ed esperienze”

Il bilancio dei tre giorni alla Borsa internazionale del turismo


Riscontro positivo per la Calabria alla Borsa internazionale del turismo 2024. Un palcoscenico strategico quello dell’Allianz Milano Convention Centre, che dal 4 al 6 febbraio ha spinto la Calabria verso la promozione di un turismo variegato: da quello religioso, che in Calabria punta sulla figura di San Francesco di Paola, a quello culturale ed enogastronomico. Senza dimenticare il turismo delle radici. Ampio spazio è stato dato a questo settore turistico che strizza l’occhio all’ecosostenibilità e che lascia indietro le mete toccate dal turismo di massa, per prediligere luoghi meno conosciuti e meno sviluppati, e per questo suggestivi e fascinosi. Il progetto “Italea. Il viaggio verso le tue radici”, presentato alla Bit, punta proprio allo sviluppo delle aree interne, dove il turista ritrova sentimenti di appartenenza al territorio.
“La Calabria viene percepita come una regione importante turisticamente soltanto per il mare – afferma il presidente della Regione Roberto Occhiuto – mentre è uno scrigno di bellezza e di esperienze che spesso il paese non conosce. La Calabria ha montagne straordinarie, è la regione della Magna Grecia, con pezzi di storia e di cultura immersi nel mare, itinerari enogastronomici straordinari, borghi bellissimi, e la Bit è l’occasione per far incontrare la Calabria con operatori che possono darci una mano a investire sullo sviluppo turistico della Regione”.
Ma è la collaborazione tra Regione Calabria e Rai Com il veicolo di sviluppo turistico al quale essenzialmente si punta: i riflettori della televisione di Stato saranno sulla Calabria per molto tempo ancora e i risultati ottenuti fino ad oggi, secondo il governatore, sono entusiasmanti: “Abbiamo fatto un progetto con la rai – ha detto – che sta funzionando molto bene. Ospita in 50 produzioni all’anno, servizi sulla Calabria e sulle bellezze naturali, paesaggistiche, culturali e solo nei primi tre o quattro mesi abbiamo fatto circa 50 milioni di telespettatori”. “Un modo – continua Occhiuto – per dare al Paese un racconto diverso, perché della Calabria si parla a volte solo per i suoi problemi, invece è una terra piena di risorse e di grande opportunità e questo accordo serve a fare entrare la Calabria più bella nella casa di milioni di italiani”.
Lo sviluppo turistico cammina a braccetto con il potenziamento delle infrastrutture e anche su questo Occhiuto ha fatto il punto della situazione, annunciando l’arrivo in Calabria dell’amministratore delegato di Ryanair per definire nuove rotte che puntino ad attrarre almeno 5-6 milioni di passeggeri nei prossimi 4-5 anni, con un significativo aumento già dall’anno prossimo. Fondamentale anche il potenziamento della viabilità interna, per consentire, appunto, lo sviluppo del turismo delle radici e quello dedicato ai borghi calabresi, 16 dei quali sono riconosciuti tra i “Borghi più belli d’Italia”.
In ultimo, un altro aspetto, per niente da sottovalutare, è quello della ricettività, che necessita di interventi tali da poter migliorare l’offerta turistica calabrese.