Cosenza Cronaca Notizie

Bracconaggio, sette denunce nel Cosentino

Scritto da:

La denuncia di sette persone e il sequestro di fucili, munizioni e richiami acustici elettromagnetici. E’ l’esito  di una operazione antibracconaggio condotta dalla Polizia Provinciale di Cosenza, che dall’apertura della stagione venatoria sta effettuando servizi di monitoraggio per individuare comportamenti illeciti volti all’abbattimento di specie protette e al posizionamento, da parte dei bracconieri, di eventuali richiami acustici a funzionamento meccanico o elettromagnetico vietati dalla normativa vigente. Ed è proprio quello che è stato riscontrato dal Nucleo ittico-venatorio nei comuni di Cassano allo Ionio e Rossano Calabro, e dal Reparto operante presso il distaccamento di San Giovanni in Fiore in agro di Celico.

Gli agenti del Nucleo ittico-venatorio hanno sorpreso in flagranza di reato, e denunciato, 6 persone in quattro distinte e separate operazioni antibracconaggio condotte in località Marina di Sibari, Lattughelle e Sibari del Comune di Cassano allo Ionio. Sottoposti a sequestro penale, complessivamente, nove fucili da caccia e le relative munizioni; sette richiami acustici elettromagnetici; un telefono cellulare utilizzato come richiamo acustico; un accumulatore 12 volt; ventuno esemplari di pispola abbattuti, un codirosso, sette esemplari di fringuello, due verdoni, due fanelli e delle allodole. Nella zona di Protezione speciale “Sila Grande”, in agro di Celico, è stato denunciato un cacciatore per l’abbattimento di una pispola, appartenente a specie particolarmente protetta.

Condividi su
1 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

DIRETTA VIDEOCALABRIA

Il meteo

Meteo Calabria

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com