Calcio Crotone Notizie Serie A Sport TICKERS

Calcio Serie A, Gianni Vrenna: “Bisogna dare il sangue per uscire da questa classifica. La salvezza non è una chimera”

"Io non ho nulla da rimproverarmi: ora tocca ai calciatori e al mister dare sostanza al gioco del Crotone" Scritto da:

Questo campionato? “Non è così difficile. Ce lo stiamo complicando noi“. Così il presidente del Crotone, Gianni Vrenna, all’indomani della chiusura del calciomercato, che a Crotone ha portato Di Carmine e Ounas, ma non il difensore che in molti si aspettavano. “Sono più che soddisfatto per quello che abbiamo fatto – afferma il numero uno rossoblu – sia ad inizio campionato che adesso. Forse manca un difensore, che abbiamo provato a prendere, ma ho piena fiducia in quelli che abbiamo. Il tallone d’Achille della squadra è la difesa, ma sono sicuro che appena troveremo la quadra in difesa (e spero che avvenga subito), con questa rosa potremo salvarci”. Tornando sul mercato, Vrenna aggiunge “Abbiamo portato qui giocatori importanti. Stavamo trattando un difensore portoghese, ma non c’è stato il tempo. Parlare di ‘diversi giocatori’ che hanno rifiutato la destinazione Crotone mi pare un po’ eccessivo; c’è qualcuno che non ha sposato la causa Crotone, ma quelli che sono venuti lo hanno fatto con grande entusiasmo e voglia di dare una mano a raggiungere la salvezza, che non è una chimera. Il calendario è complicato, è vero, ma tocca a noi metterci nelle condizioni di non fare la pessima figura che abbiamo fatto contro il Genoa. Quella squadra non siamo noi, e lo abbiamo dimostrato in tutto il girone di andata. Spero che dopo questa prestazione i ragazzi capiscono che devono dare il sangue, mangiare l’erba per uscire da questa classifica. Che è brutta ma non insormontabile, perché la salvezza è a 4 punti. Tante squadre sono lì giù… e nessuna è a distanza incolmabile. Dipende solo da noi”.  Giovanni Stroppa è in discussione? “Non è stato messo in discussione, ma è ora che si metta nelle condizioni di prendersi meno critiche, e di dare più sostanza al gioco del Crotone. La squadra deve lavorare con orgoglio. Abbiamo una rosa che il Crotone non ha mai avuto, quindi bisogna che tutti si mettano nelle condizioni di poter lottare. Io non ho nulla da rimproverarmi, perché ho messo tutti nelle condizioni migliori per lavorare. Ora tocca a loro, al mister, allo staff e ai calciatori”

Condividi su Whatsapp
2 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA