Attualità Cosenza Notizie Sanità

Chirurgia oncologica: eseguito all’Annuniziata un delicato intervento

Un importante intervento di chirurgia oncologica è stato eseguito all’ospedale Annunziata di Cosenza dall’equipe di Chirurgia Epato-Bilio-Pancreatica e Trapianti, diretta dal dottor Sebastiano Vaccarisi in collaborazione con i dottori Vincenzo Pellegrino, Massimo Canonaco, Silvano Rizzuti e Giuseppina Fusilli – e dall’equipe di Anestesia e Rianimazione diretta dal dottor Pino Pasqua – dottori Cosimo Stefano e Valeria Gambardella,

Su una paziente di 50 anni, affetta da multiple metastasi epatiche bilobari da tumore del colon, sono state asportate ventuno metastasi da tutti i segmenti del fegato ad eccezione del primo, l’unico indenne da localizzazioni metastatiche. L’intervento – secondo quanto riporta una nota – svolto in un’unica seduta, è durato poco meno di sette ore e ha comportato la resezione di alcune parti del fegato, la resezione del colon sinistro, l’ asportazione della colecisti e l’ ileostomia temporanea di protezione. Non è stata necessaria alcuna trasfusione, per la paziente, proveniente dal Centro di Oncologia Medica del Policlinico Universitario Mater Domini di Catanzaro, poichè ha perso pochissimo sangue: la donna è stata dimessa e non presenta residui di malattia, come evidenziato dalla TC eseguita prima delle dimissioni.

L’Equipe di Chirurgia Epatobiliopancreatica e Trapianti diretta dal Dott. S. Vaccarisi, dal 1° gennaio 2015 a tutt’oggi, ha eseguito oltre 170 resezioni epatiche per tumori primitivi e secondari del fegato, alcune delle quali effettuate anche con tecnica laparoscopica; oltre 30 resezioni pancreatiche per tumori del pancreas; 10 resezioni delle Vie Biliari per Tumori primitivi ed oltre 50 Trapianti di Rene su pazienti molto spesso “ difficili”, che complessivamente pochissime complicanze.

«Un lavoro di squadra – ha dichiarato soddisfatto il commissario Achille Gentile – che ha visto in campo chirurghi, oncologi, radiologi e anestesisti. Un altro intervento importante che porta la chirurgia dell’Annunziata a collocarsi tra le migliori d’Italia. Gli investimenti in nuove tecnologie e l’impegno e la professionalità dei medici, hanno contribuito a costruire una realtà sanitaria competitiva con gli standard del resto del Paese che diventa giorno dopo giorno polo di riferimento in grado di ridurre la migrazione sanitaria».

0 Condivisioni