Attualità Notizie Politica TICKERS

Codacons, Spirlì come Maria Antonietta: «Se non hanno più pane, che mangino brioche»

E' quanto scrive in una nota il vicepresidente Francesco Di Lieto, commentando l'operato della Regione Scritto da:

«In Calabria ormai si recita il “Teatro dell’Assurdo” con le comiche stravaganze del presidente facente funzioni. Si potrebbe obiettare: che colpa potrà mai avere il “malcapitato”, visto che la nostra regione non ha neppure gli occhi per piangere… Eppure non è così, proprio per niente. Sia perché gli paghiamo un lauto appannaggio e, magari, non per effettuare sondaggi sui gusti culinari e soprattutto perché, quando vuole, i soldi sa benissimo come trovarli. Praticamente “fa lo scemo per non andare in guerra”». E’ quanto scrive in una nota il vicepresidente del Codacons Francesco Di Lieto, commentando l’operato della Regione.

«E così – continua – mentre siamo costretti a rimanere in casa, mentre le imprese soffocano per i provvedimenti restrittivi, frutto di una sanità depredata ed in ginocchio, il nostro “facente funzioni” – tra una preghiera sui social ed un gustoso stoccafisso con patate – si dedica allo sport più in voga in regione: dispensare incarichi ad amici e parenti, prima dello scioglimento del consiglio regionale. La morte del Presidente comportava le dimissioni della Giunta e lo scioglimento del Consiglio che, fino a nuove elezioni (da svolgersi entro 60 giorni), sarebbero dovuti rimanere in carica, solo per garantire l’ordinaria amministrazione. Limitarsi, quindi, ad adottare esclusivamente atti “urgenti ed improrogabili” ovvero quegli atti che, laddove venissero omessi, finirebbero per provocare un gravissimo danno o la cui mancanza configurerebbe un inadempimento rispetto a precisi obblighi imposti dalle leggi, da provvedimenti amministrativi o da impegni contrattuali».

«Invece in Calabria è un continuo affannarsi ad emettere atti che con l’ordinaria amministrazione c’entrano ben poco – scrive Di Lieto – in un momento così tragico, dal punto di vista sanitario ma, soprattutto, economico, con esercenti soffocati da più di un anno di inattività forzata ed una povertà incredibilmente dilagante, ecco che la “corte dei miracoli” dispensa stipendi ad autisti, collaboratori, “nani a ballerine”. Una regione ridotta ad un ufficio di collocamento, mentre il facente funzioni impazza sui social  e la realtà supera ogni forma di comicità. In un paese normale ci sarebbe un moto d’indignazione generale. Visto che da Germaneto si dispensano brioches mentre i calabresi non hanno pane. In Calabria, invece, il personaggio è finito per diventare una maschera. Altro che ristori, mentre le attività economiche boccheggiano, si preferisce sorridere sulle “bizzarrie” del leghista di Taurianova dimenticando che tutte queste spese “pazze” finiranno per pesare sulle casse regionali e di conseguenza sui cittadini».

«Trattandosi di comportamenti difformi rispetto a quanto previsto dalle disposizioni di legge e ritenendo che queste nomine non rientrino nell’ordinaria amministrazione – prosegue il Codacons – abbiamo chiesto l’intervento della Corte dei Conti nonché dell’Autorità Nazionale AntiCorruzione, affinché intervengano su quelle che riteniamo gravi irregolarità in queste numerosissime ed imbarazzanti nomine, che finiranno per pesare sulle tasche di tutti noi. In tutto questo si deve sottolineare l’assordante silenzio da parte delle opposizioni che, nonostante questa palese inadeguatezza amministrativa, (“posso dire che sono ignorante?”), non si azzardano neppure a invitarlo a farsi da parte».

Condividi su Whatsapp
10 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA