Agricoltura Economia Natura Notizie

Coldiretti: “77mila ettari di terreno sottratti all’agricoltura”

“Nel 2016 la Calabria ha sottratto all’agricoltura e al suolo naturale 77.096 ettari di terreno, con una percentuale del 5.11% . Dati che confermano la perdita di una risorsa fondamentale, il suolo, con le sue funzioni e i relativi servizi eco sistemici”. Il dato arriva da Coldiretti, che in un comunicato illustra gli esiti del rapporto 2017 sul consumo di suolo
redatto dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra). “Nell’ultimo anno in Calabria è stato cementificato il 5,11% dei 1.522.200 ettari della superficie regionale, il che pone seri interrogativi vista la conformazione del nostro territorio, prevalentemente collinare e montuoso, e con poco spazio per l’attività
agricola”. “Il consumo di suolo e la cementificazione – spiega il presidente di Coldiretti Calabria Pietro Molinaro – riducono la capacità dell’assorbimento dell’acqua da parte dei terreni e aumentato il rischio di frane e alluvioni. Un fenomeno sempre più preoccupante che va fermato velocemente”.

Coldiretti esorta, quindi, a “smettere di sottrarre terreno fertile all’agricoltura, lasciando in eredità suolo incolto, asfalto e capannoni abbandonati. La disponibilità di terra coltivata significa produzione agricola di qualità, sicurezza alimentare e ambientale per i cittadini nei confronti del degrado e del rischio idrogeologico”. “Le modifiche del 2015 alla Legge regionale urbanistica – sottolinea ancora Molinaro – hanno introdotto nella legge la cosiddetta opzione ‘consumo di suolo zero’, ma questa rimane solo una affermazione ‘politicamente corretta’ visto che, di fatto, è possibile continuare ad edificare sul suolo calabrese, come confermano i dati del 2016”.

 

Condividi su Whatsapp
1 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA