Catanzaro Cronaca Notizie Primo Piano TICKERS Ultima Ora Coronavirus

Coronavirus, altri due decessi in Calabria: si tratta di due donne di Chiaravalle

Il numero dei contagiati è salito di altre cinque unità, toccando quota 822: i dati sono aggiornati alla tarda mattinata di oggi 7 aprile Scritto da:

La morte di due anziane donne, una di 80 e l’altra di 94 anni, aggrava il bilancio dell’infinita tragedia della casa di riposo “Domus aurea” di Chiaravalle Centrale, nella quale erano ricoverate 17 delle 57 vittime calabresi del coronavirus. Lo stesso bilancio dei decessi nella nostra regione è appesantito proprio dal focolaio scoppiato nella casa di riposo in provincia di Catanzaro. Anche le ultime due vittime erano ricoverate nel policlinico universitario Mater Domini di Catanzaro, dove tuttora si trovano numerosi ospiti della struttura che hanno contratto l’infezione e che sono stati trasferiti dopo che il dipartimento tutela della salute della Regione ha deciso di evacuare la casa di riposo. Alcuni di essi versano in condizioni critiche, il che fa legittimamente temere che il dramma possa assumere proporzioni ancora più vaste. Stamattina, dopo l’annuncio dei dati del laboratorio di analisi dell’ospedale “Pugliese” di Catanzaro, il dato dei contagiati è salito di altre cinque unità, toccando quota 822. Quattro dei cinque nuovi casi di positività sono stati registrati nel Catanzarese, uno nel Crotonese. I tamponi analizzati la scorsa notte sono stati 149 contro i 215 di ieri, quando erano stati riscontrati appena due casi positivi.

Intanto, sul piano della mitigazione degli effetti negativi che l’epidemia sta producendo sul sistema economico, ieri sera il Consiglio dei ministri ha approvato un pacchetto di norme che punta a garantire un flusso di risorse alle imprese italiane di tutte le dimensioni. La chiave è un fondo di garanzia che consentirà a chi già prima faticava ad ottenere un prestito ad averne uno offrendo una copertura pubblica ai finanziamenti concessi dalle banche semplificando le procedure, stanziando nuove risorse ed ampliando l’importo medio del prestito. Basterà dimostrare di avere i requisiti, una partita Iva, l’ultima dichiarazione dei redditi e quella di pagamento delle imposte per ottenere il prestito e far scattare automaticamente la garanzia.

Anche in Calabria si muove qualcosa. Dopo averlo annunciato ieri mattina, la presidente della Regione, Jole Santelli, ha confermato anche su Facebook l’intenzione di stanziare risorse per i buoni spesa per le famiglie calabresi e di superare l’importo che il governo ha riservato alla nostra regione. Il provvedimento integrerà il fondo “Riparti Calabria” approvato la scorsa settimana, per il quale è prevista una dotazione di 150 milioni di euro che interverranno a favore dell’esigenza di liquidità del sistema produttivo. Ma dopo le imprese, un altro banco di prova sarà quello di soccorrere i bisogni delle famiglie più povere e disagiate.

Condividi su
83 Condivisioni

 

DIRETTA VIDEOCALABRIA

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA