Attualità Catanzaro Cronaca Crotone Fede Notizie Primo Piano Reggio Calabria Sanità TICKERS

Coronavirus: Calabria senza ali, stop anche ad oratori e catechismo

Depennati i voli dai tre aeroporti; la Conferenza episcopale calabra sospende fino al 15 marzo le attività

Calabria sempre più “isolata” a causa del coronavirus. Dopo la cancellazione di alcuni voli di Alitalia da e per la Calabria della scorsa settimana, nuove disposizioni simili giungono da molte compagnie aeree. Vettori quali Easyjet, Blue Air, Alitalia stessa, Ryanair, hanno praticamente depennato quasi tutti i voli nel mese di marzo anche per una drastica diminuzione delle prenotazioni. Raggiungere la Calabria dal centro e nord Italia – o ripartire – con un aereo sarà praticamente impossibile dai tre scali regionali, Lamezia Terme, Reggio Calabria e Crotone.

La Conferenza episcopale calabra ha deciso di sospendere fino al 15 marzo le attività di catechismo e di oratorio in tutta la regione a seguito dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri. Si tratta, rende noto l’assemblea dei vescovi calabresi, di una “decisione prudenziale che consentirà di prendere precauzioni igienico-sanitarie per arginare l’epidemia di coronavirus, seguendo scrupolosamente le istruzioni del Ministero della Salute e dei medici di famiglia”. Il 24 febbraio scorso la Conferenza episcopale aveva indicato alcune misure da adottare per i luoghi di culto: svuotare le acquasantiere, evitare il segno della pace durante la messa, dare la comunione solo sulla mano ed evitare di dare le condoglianze. Inoltre, aveva invitato preti, diaconi e ministri dell’Eucarestia a lavarsi bene le mani.

44 Condivisioni