Attualità Crotone Notizie Primo Piano Sanità TICKERS Ultima Ora Coronavirus

Coronavirus, sono 7 i pazienti nel reparto Covid di Crotone gestito da Emergency

A guidarlo è il dottor Paolo Grosso Scritto da:

(l'equipe di Emergency all'ospedale di Crotone)

Sono sette i pazienti ricoverati nella terapia subintensiva dedicata ai pazienti affetti da Covid-19 dell’Ospedale San Giovanni di Dio di Crotone, dove i medici e gli infermieri di Emergency hanno iniziato a lavorare nel fine settimana. I malati sono ricoverati nel cosiddetto reparto Covid 2, che ha 23 posti letto e altri 8 posti letto in una struttura tendata esterna messa a disposizione dall’Esercito e dalla Protezione civile che, al momento, non è ancora operativa e sarà utilizzata solo in caso di estrema necessità.

«Con l’ingresso del nostro personale sanitario in reparto – ha dichiarato Rossella Miccio, presidente dell’onlus fondata da Gino Strada – Emergency ha iniziato a lavorare a Crotone con lo stesso spirito di scambio e cooperazione che da anni ci porta a collaborare con la sanità pubblica in otto regioni italiane con i nostri ambulatori fissi e mobili. Rimarremo in Calabria fino a quando ci sarà bisogno di noi e siamo pronti a dare supporto ulteriore qualora le autorità locali lo ritenessero necessario».

Il reparto Covid 2 è gestito da Emergency in stretta collaborazione con il responsabile medico della risposta Covid del San Giovanni di Dio. Al momento la onlus è presente con sette medici, cinque infermieri e tre addetti alla logistica. Altri suoi medici e infermieri lavoreranno sul territorio. A guidare la squadra medicanel reparto Covid 2 è il dottor Paolo Grosso, direttore fino a giugno del Dipartimento emergenze e urgenza e della Unità operativa di anestesia e rianimazione del Policlinico di Monza. «All’Ospedale San Giovanni di Dio abbiamo trovato personale medico e infermieristico accogliente e competente, che fin dal primo minuto non si è risparmiato per arginare l’emergenza, – ha dichiarato Grosso – stiamo lavorando fianco a fianco con loro, mettendo a disposizione l’esperienza che abbiamo maturato durante la prima ondata in Lombardia».

Condividi su Whatsapp
4 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA