Attualità Cosenza Fede Italia Notizie Video

Cosenza “invasa” da 5mila alpini: raduno delle penne nere di Centro, Sud ed Isole (VIDEO)

Sono stati circa 5 mila gli alpini che hanno invaso Cosenza nel fine settimana per tre giorni del raduno del quarto raggruppamento, vale a dire quello che mette insieme le penne nere di Centro, Sud ed Isole, ed al quale ovviamente erano presenti i due gruppi degli alpini calabresi, quelli di Cosenza e Castrovillari. La Calabria ha avuto il privilegio di ospitare il raduno degli alpini dell’Italia meridionale proprio nell’anno in cui si celebre il centenario dalla fondazione dell’associazione, che venne istituita nel giugno del 1919. Emozionante la sfilata svoltasi ieri per le strade della città, e conclusasi in piazza Bilotti, dopo il passaggio su corso Mazzinialla parata, che ha preso il via dopo il concentramento sul ponte di Calatrava, hanno assistito centinaia di persone, che hanno saluto con entusiasmo il passaggio degli alpini delle tante sezioni italiane. Straordinario il colpo d’occhio offerto dal piccolo esercito e dai gonfaloni, con in testa il làbaro nazionale del Corpo, tenuto dalla calabrese Loredana Petitto, prima donna arruolata nelle truppe alpini, e scortato dal presente dell’associazione nazionale, Sebastiano Favero. In testa, alcune decine di ragazzi delle scuole primarie delle scuole di Cosenza. Fra le sezioni presenti quelle di Cuneo, Trento, Vittorio Veneto, Genova, Milano, Monza, Vicenza, Pisa, Lucca, Livorno, Roma, Latina e la sezione delle Marche, che aveva uno striscione con su scritto: “l’Italia ha bisogno degli alpini”. Ed ovviamente, quelle di Puglia, Basilicata e Sicilia. Alla fine, il passaggio della militaresca stecca fra la sezione di Napoli, che ha organizzato la manifestazione cosentina, e quella di Firenze, della quale fa parte Assisi, città che fra un anno organizzerà il raduno, rappresentata dal sindaco, Stefania Proietti. Fra Cosenza ed il comune umbro potrebbe presto essere stretto un patto di amicizia fondato sulla devozione a due grandi Santi: Francesco d’Assisi, Patrono d’Italia, e Francesco di Paola, Patrono della Calabria.

8 Condivisioni