Province

Crotone calcio, oggi parte il ritiro. Stoian: «L’obiettivo? Procediamo a mano a mano…»

Questa mattina la squadra del Crotone calcio darà ufficialmente il via al ritiro estivo prima delle fatiche del campionato. Ieri pomeriggio la squadra ha svolto il primo allenamento allo Scida davanti ad un nutrito gruppo di tifosi che hanno fatto sentire ai ragazzi di mister Stroppa tutto il loro calore. Questa mattina mister Stroppa e i suoi calciatori raggiungeranno il villaggio Baffa a Trepidò dove resteranno fino al prossimo 3 agosto e da dove aspetteranno di avere notizie sul processo sportivo che riguarda il Chievo Verona e nel quale il Crotone ha chiesto di essere ammesso come terzo interessato. Qualora il Chievo venisse retrocesso in B il Crotone avrebbe tutte le carte in regola per chiedere la riammissione nella massima categoria.

Intanto, prima dell’allenamento, mister Stroppa e l’attaccante Adrian Stoian hanno incontrato i giornalisti. Entrambi si sono detti pronti e pieni di entusiasmo. L’allenatore ha spiegato che Simy e Rodhen, dopo il mondiale, si aggiungeranno al gruppo solo dal 20 luglio in poi e sui tifosi ha detto: «Saluterò volentieri i nostri sostenitori, ho apprezzato molto il loro modo, insolito per le squadre del Sud, di rispettare la privacy ed il lavoro degli altri. Ma so anche quanto possono essere calorosi, infiammare lo stadio ed infiammarsi. Siamo molto contenti».

Stoian, seppur ancora giovane, si sente ormai un veterano del gruppo, quello che sta per iniziare sarà il suo quarto anno a Crotone e per questo dice: «Cercheremo di spiegare ai nuovi cosa vuol dire indossare la maglio del Crotone, cos’è il Crotone e come si gioca in questa squadra. Per il resto saremo a disposizione del mister e faremo ciò che ci chiede lui. Del resto noi giocatori questo dobbiamo fare».

Sull’obiettivo stagionale il calciatore dice: «Il campionato di serie B è difficile, ma noi lo conosciamo. Certo non possiamo dire come l’anno scorso che il nostro obiettivo è solo la salvezza. Però possiamo dire che andremo avanti un passo alla volta. A mano a mano… Come siamo abituati».

4 Condivisioni
Condividi su Whatsapp