Attualità Crotone Notizie Primo Piano TICKERS

Crotone, il Comune sposta le bici rimaste dal park’n’ride in un’altra struttura: meglio tardi che mai

L'ente guidato dal sindaco Voce le ha poste in una struttura di proprietà e ha riparato i danni a via Miscello da Ripe. Ma tutto ciò poteva essere evitato Scritto da: GIUSEPPE LARATTA

“Dopo un primo tentativo di effrazione presso il Park and Ride avvenuto nelle scorse settimane a seguito del quale era stato verificato che non erano state asportate le bici lì depositate, purtroppo abbiamo dovuto rilevare che a seguito di una successiva effrazione, così come da denunzia del Comando di Polizia Locale, il furto di 26 bici di cui 12 a pedalata assistita. Le biciclette non trafugate sono state, a cura degli operai comunali, collocate in una struttura comunale custodita e i danni al Park and Ride ripristinati. Meritoriamente, e li ringraziamo, alcune bici sono state recuperate e restituite all’ente dai componenti di Ciclofficina. Un’altra bici è stata recuperata dal Comando Carabinieri che analogamente ringraziamo. Le Forze dell’Ordine e il comando di Polizia Locale hanno contezza della tipologia di bici trafugate, pertanto chi è in possesso attualmente delle bici stesse, una volta individuato, verrà denunciato. Nel caso, inoltre, che qualcuno notasse queste bici abbandonate in qualche luogo della città, si prega di avvisare le Forze dell’Ordine o il Comando di Polizia Locale. L’assessore all’Urbanistica Ilario Sorgiovanni”.

Questo il comunicato inviato oggi pomeriggio dal Comune di Crotone in merito al furto – ed ai danni subiti – al park’n’ride di via Miscello da Ripe. In queste settimane sulla nostra testata abbiamo raccontato le disavventure che la struttura ed i beni hanno affrontato, ma la nota inviata da piazza della Resistenza arriva un po’ in ritardo considerato che tutto ciò poteva essere evitato sin da quando è scaduto l’affidamento in gestione del servizio all’associazione Ciclofficina nel novembre del 2019. La colpa non è solo dell’amministrazione in carica, visto che i beni sono di proprietà del Comune, ma in questi due anni si è passati dall’ex sindaco Ugo Pugliese – che proprio in quei giorni presentava le dimissioni – al commissariamento dell’ente con il prefetto Tiziana Costantini, fino all’attuale primo cittadino Vincenzo Voce. Le bici sono state lasciate lì dov’erano, esposte alle intemperie nonchè alle azioni di qualche balordo – come si è rivelato, poi. Parliamo di beni pubblici, di tanti soldi spesi visto che le bici – soprattutto quelle elettriche – hanno un costo che si aggira intorno ai 1000 euro ciascuna: adesso sono quasi inutilizzabili, poichè sono state sottratte le batterie, mentre quelle classiche sono arrugginite. La speranza è che il tutto possa tornare alla normalità, se così si può chiamare, magari pubblicando finalmente il bando di gestione della struttura.

Condividi su Whatsapp
3 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA