Cosenza Notizie Politica Primo Piano Sanità Video

Di Maio a Cosenza su politica e corruzione: «Zingaretti doveva espellere Oliverio» (VIDEO)

«Ci dobbiamo riprendere la sanità in tutta Italia. Stiamo facendo una legge che dice che le Regioni non devono nominare i direttori generali delle Asp. Un’altra legge per fare lavoro. La mafia senza la politica corrotta non esisterebbe. Zingaretti doveva espellere Oliverio dopo la prima inchiesta, espellerlo dal PD. Con la corruzione non centra niente il terzo grado di giudizio: qui siamo in piena emergenza. Tutti possono sbagliare, quello che è importante se uno sbaglia in una forza politica lo devi cacciare, non deve fare carriera politica». Così in un passaggio il leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio nell’intervento fatto oggi pomeriggio a Cosenza. Il vicepremier è intervenuto ad un incontro organizzato dai sostenitori pentastellati in occasione delle elezioni Europee di domenica prossima: svariate le tematiche sviluppate, dalla sanità alla corruzione, alla politica al lavoro. Sul commissariamento della sanità in Calabria, Di Maio ha dichiarato: «lo abbiamo dovuto fare perchè per trent’anni la sanità è stato il bancomat» al servizio della politica.

Sul tema del lavoro, il leader pentastellato ha dichiarato che in questa direzione si sta sviluppando la fase 2 dell’azione di Governo con investimenti dall’estero al Sud, grazie alle Zes, che consentano di aprire stabilimenti e creare lavoro; secondo Di Maio, gli imprenditori «hanno bisogno del Governo che li difenda dalla corruzione. Creeremo più lavoro per i nostri ragazzi». Proseguendo sulla tematica, si è soffermato anche su un altro obiettivo predisposto, ovvero quello del salario minimo garantito che prevede per i lavoratori il pagamento di 9 euro all’ora. Di Maio ha chiuso l’intervento affermando che «se riparte la Calabria, riparte l’Italia».

(fonte video: pagina Facebook Luigi Di Maio)

G.L.

79 Condivisioni