Attualità Cosenza Cronaca Notizie TICKERS

Diamante, via allo sgombero dell’ex cantiere del porto

A 21 anni dall'appalto, l'opera non è mai stata realizzata. Il sindaco: "Ora chiederemo il risarcimento danni" Scritto da:

“Un ulteriore passaggio risolutivo, nel complesso iter col quale si sta riconsegnando l’area portuale di Diamante alla cittadinanza”. Si è espresso così il sindaco del comune dell’alto Tirreno cosentino, Ernesto Magorno, commentando l’avvio dei lavori di sgombero dell’ex cantiere del porto. “Un esito che premia l’impegno dell’Amministrazione per liberare Diamante da quello che era un vero e proprio fardello – ha proseguito – restituendo in tal modo alla cittadinanza di Diamante un bene fondamentale e decisivo per il suo futuro”.

L’opera era stata appaltata ad un società privata nel 1999, ma tra ritardi e rinvii non è mai stata realizzata. Per di più in questi 21 anni l’area è rimasta un cantiere a cielo aperto, e in diverse occasioni si è reso necessario procedere alla bonifica del piazzale antistante lo specchio d’acqua interessato dal progetto. Nello scorso mese di luglio, dopo una lunga battaglia del Comune e delle associazioni ambientaliste, la Regione Calabria ha revocato la concessione alla ditta, la Ati Icad Diamante Blu srl, e pertanto l’area portuale è ritornata ai cittadini.

Oggi l’avvio dello sgombero, mentre il sindaco Magorno annuncia che “la prossima settimana sarà presentato l’atto di citazione per la richiesta risarcimento danni alla Regione, per tutto il tempo nel quale l’area è stata sottratta alla collettività di Diamante”. Il sindaco, infine, non ha mancato di rivolgere la sua gratitudine alla compianta presidente della Giunta regionale, Jole Santelli, “per il contributo decisivo che ha assicurato a questa svolta risolutiva per il nostro porto”

Condividi su
2 Condivisioni

 

DIRETTA VIDEOCALABRIA

Il meteo

Meteo Calabria

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com