venerdì, 24 maggio 2024

Discorso dei manifestanti agli Stati Generali della Natalità: “Diritto all’aborto a rischio”

(Agenzia Vista) Roma, 9 maggio 2024
Nel corso degli Stati Generali della Natalità, alcuni manifestanti hanno contestato la ministra Roccella sul tema dell’aborto e della natalità. Una volta salita sul palco, una rappresentante ha letto le motivazioni a supporto della protesta: “Parole d’ordine di piazze e cortei sono state quest’anno ‘Educazione sesso affettiva e al consenso”, a carattere transfemminista. Parole però che non solo non hanno avuto ascolto da nessun ministro, ma che volgono a una repressione: ‘Sui nostri corpi decidiamo noi’. L’attuale Governo decide di convocare questo convegno dopo aver scelto costantemente il silenzio come unica risposta a un intero anno di lotte, un intero anno di richieste portate ai nostri istituti e di fronte al ministero stesso con l’obiettivo di ottenere un nuovo genere di scuola e di educazione”, ha spiegato. “La reale motivazione celata dietro la triade ‘Dio, Patria e famiglia’ consiste nella produzione di un nuovo capitale umano per l’alimentazione del sistema capitalistico. È completamente assente un supporto effettivo da parte dell’attuale Governo. Il diritto all’aborto oggi in Italia è sempre più a rischio, minato da proposte legislative e restrittive”, ha aggiunto.
Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev