Fede Notizie Primo Piano TICKERS Video

Don Mimmo Battaglia diventa vescovo di Napoli: la diretta di Video Calabria alle ore 16.50

Questo pomeriggio la solenne cerimonia d'insediamento nel Duomo di Napoli

È un giorno importante per la Chiesa quello in cui monsignor Domenico Battaglia s’insedia ufficialmente nella sua nuova diocesi, quella di Napoli. È il giorno della ‘Candelora’, la festa della luce, quella che celebra la presentazione di Gesù al Tempio.

Il 2 febbraio, dunque, Napoli avrà ufficialmente la sua nuova guida spirituale, il suo nuovo pastore; e per la prima volta non sarà un cardinale, ha deciso Papa Bergoglio. A guidare una delle più importanti arcidiocesi d’Italia il pontefice ha scelto un prete di strada, il prete degli ultimi, quello che ancora oggi dai suoi fedeli si fa chiamare “don Mimmo”.

L’indicazione del suo nome, infatti, è arrivata direttamente da Papa Francesco, con cui don Mimmo condivide la vicinanza anche fisica alle persone e l’estrema attenzione per i bisogni dei più poveri, degli ultimi. Un pastore, insomma, come molti altri nominati dal Pontefice a rinfocolare il rapporto tra la gente e la Chiesa.

Nato a Satriano, in provincia di Catanzaro, il 20 gennaio del 1963, Domenico Battaglia viene ordinato sacerdote il 6 febbraio 1988. Rettore del seminario liceale di Catanzaro, poi parroco della Madonna del Carmine, direttore dell’Ufficio diocesano per la “Cooperazione missionaria tra le Chiese” e ancora parroco a Satriano. È in questa fase della sua attività pastorale che si avvicina ai più deboli ed emarginati, guadagnandosi l’appellativo di “prete di strada”. Un impegno che racconta in due pubblicazioni, e che si esprime nella guida – per quasi 25 anni – del “Centro Calabrese di Solidarietà”, una Comunità dedita al trattamento e al recupero delle persone affette da tossicodipendenze.

Nel 2016 viene ordinato vescovo ed eletto alla sede vescovile di Cerreto Sannita – Telese – Sant’Agata dei Goti; e da lì, il 12 dicembre 2020, promosso a Napoli, dove succede al cardinale Crescenzio Sepe.

“Vengo con cuore aperto – ha scritto ai suoi nuovi fedeli – specialmente verso coloro che sono i feriti della vita. Vengo verso i promotori del bene, della giustizia e della legalità. Vengo come un viandante che desidera camminarvi accanto. Gesù ci invita ad abitare una Chiesa che esce dai suoi sacri recinti per mettersi al servizio del territorio, a partire dagli ultimi. Su questa strada cercheremo di essere insieme artigiani di pace, cercatori di un infinito che intercetta i limiti per farne possibilità, costruttori infaticabili di speranza”.

Video Calabria seguirà integralmente la solenne cerimonia d’ingresso di monsignor Battaglia nella sua nuova diocesi: martedì 2 febbraio, a partire dalle ore 16.50, in diretta dalla Cattedrale di Napoli. Sul canale 13 del digitale terrestre

 

Condividi su Whatsapp
32 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA