lunedì, 22 luglio 2024

Dottoressa aggredita durante una visita domiciliare

E' successo nel Vibonese; Occhiuto: «Episodio raccapricciante»

immagine articolo Dottoressa aggredita durante una visita domiciliare

Una dottoressa in servizio nella Guardia medica di Cessaniti, in provincia di Vibo Valentia, avrebbe subito un’aggressione da un uomo durante una visita domiciliare riuscendo, però, divincolarsi e a scappare. L’episodio, come riporta II Quotidiano del Sud, è avvenuto nella notte tra domenica e lunedì scorsi. La vittima ha denunciato l’episodio ai carabinieri; agli stessi ha raccontato, dopo avere fatto un po’ di anamnesi e controllato i parametri tutti nelle norma, di essere stata aggredita e spinta in una stanza al buio. Ha reagito urlando e colpendo l’aggressore a calci e con la borsa di servizio, è riuscita a liberarsi e ad andare via. Successivamente ha allertato i carabinieri che hanno avviato le indagini. In pronto soccorso, dove si è recata, le è stata assegnata una prognosi di sette giorni.

Occhiuto: «Episodio raccapricciante»

“L’ennesimo episodio di violenza a danno di una dottoressa della Guardia medica, aggredita da un uomo durante una visita domiciliare in una frazione del Comune di Cessaniti, è per noi fonte di enorme preoccupazione. Appena appresa la notizia, nel pomeriggio di ieri, ho sentito telefonicamente la dottoressa aggredita alla quale ho espresso la mia personale solidarietà e la massima vicinanza della Giunta regionale per questo raccapricciante episodio, nella speranza che superi nel più breve tempo possibile lo shock per il trauma subito e torni presto alla sua attività, così preziosa per le nostre comunità.La gravità del gesto, il ricorso alla violenza nei confronti di una professionista, ancora una volta donna, ci inducono non solo a esprimere condanna e grande vicinanza alla vittima, ma ci impongono l’urgenza di attivare ogni misura necessaria per tutelare gli operatori sanitari della nostra Regione e richiedere massima celerità nell’accertare i fatti e nel punire duramente i responsabili”. Così Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria.