Attualità Notizie Politica Primo Piano TICKERS

Elezioni Regionali: iniziano i rumors e il toto-nome dei candidati


La Calabria tornerà al voto per le elezioni Regionali: il fulmine a ciel sereno della morte della presidente Jole Santelli ha rimescolato le carte in tavola proprio mentre ormai ci si apprestava ad entrare nel vivo del primo anno di consiliatura. Ma non sarà così. Venerdì 23 ottobre è convocata la conferenza dei capigruppo con all’ordine del giorno la programmazione dei lavori del Consiglio Regionale, l’ultimo che vedrà calare il sipario. Le forze politiche sono al lavoro per affrontare la seconda campagna elettorale in un anno – la terza, se si tiene conto delle Amministrative di qualche settimana fa – per formare squadre da sottoporre al giudizio dell’elettorato, e soprattutto leader di coalizione che possano arrivare ai piani alti della Cittadella di Germaneto.

Il centro-sinistra

Come tradizione vuole, ai nastri di partenza di ogni competizione-campagna elettorale, iniziano a farsi strada i vari rumors sui nominativi dei probabili candidati alla carica di presidente della Regione. Dalla capitale della Sila ritorna a ri-echeggiare il nome di un politico di lungo corso, già rappresentante di varie cariche istituzionali, e già inquilino dell’ultimo piano della Cittadella: Mario Oliverio. Il nominativo dell’ex governatore – ex presidente della Provincia di Cosenza, nonché assessore regionale e parlamentare – sembrerebbe farsi spazio all’interno della sfera di centro-sinistra, e ritornerebbe sulle scene a circa un anno dall’arrivederci alla politica, quando si fece da parte alla corsa per le Regionali poiché il Partito Democratico decise di puntare sull’imprenditore Pippo Callipo. E se, in alternativa, proprio il centro-sinistra passasse dalle primarie per decidere il leader della coalizione? L’unica realtà grossa in Calabria dove nelle ultime settimane si è riuscita ad imporre è stata Reggio Calabria, con la ri-elezione del sindaco Giuseppe Falcomatà. E se proprio dallo Stretto dovesse arrivare nuova linfa per questa tornata elettorale? Solo il tempo, anzi i prossimi giorni, potranno svelare l’arcano, poiché – come noto – la finestra per andare a votare entro 60 giorni dallo scioglimento del Consiglio Regionale scadrebbe prima di Natale, quindi come ultima data utile domenica 20 dicembre.

Il centro-destra

Sul fronte centro-destra i leader nazionali cercano di fare nuovamente squadra per proporre un nome unitario per le tre anime che lo compongono – Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega – aprendo anche alle compagini civiche. Su questo fronte i rumors indicherebbero l’attuale sindaco di Cosenza forzista Mario Occhiuto: bisogna anche ricordare che il comune bruzio tornerà al voto proprio per le Amministrative in primavera. Quale sarà la decisione? I tavoli romani di queste ultime ore daranno una indicazione. In questo panorama si potrebbero aggiungere anche i nomi di Gianluca Gallo – attuale assessore Regionale all’Agricoltura – e la senatrice di Forza Italia Fulvia Michela Caligiuri.

Al momento il Movimento 5 Stelle non ha dato nessuna indiscrezione, anche se i rumors indicherebbero una probabile/possibile alleanza con il Partito Democratico per proporre a livello territoriale l’alleanza di Governo nazionale. Anche qui, in questo preciso momento, non vi è un nominativo. Dal fronte prettamente civico, dovrebbe ripresentarsi agli elettori Carlo Tansi, leader del movimento di Tesoro Calabria, anche se – al momento, e come dichiarato tramite i suoi canali social – ha intenzione per le prossime due settimane di tenere il “silenzio elettorale” poiche in stato di convalescenza dopo un intervento chirurgico.

In questi giorni se ne saprà di più: la macchina è stata avviata e la campagna elettorale – qualora si andasse a votare nel 2020 – è avviata.

Giuseppe Laratta

14 Condivisioni
Condividi su Whatsapp