Cronaca Notizie Primo Piano Reggio Calabria TICKERS

False aziende per falsi braccianti agricoli: 458 denunce nella Locride

Dodici aziende agricole ed immobiliari, nella gran parte finte, costituite nel tentativo di indurre in errore l’Inps per ottenere indennità di malattia, disoccupazione e maternità non dovute a falsi braccianti agricoli. Sono 458 le persone denunciate dai Carabinieri di San Luca, accusate di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico e falsità in scrittura privata. L’indagine “Isidoro” ha rivelato come le persone denunciate (tutte residenti nella locride)

La truffa è stato scoperta analizzando le denunce di manodopera agricola tra il 2017 ed 2019, nonché il libro unico del lavoro delle varie aziende, con relative giornate di presenza per ciascun bracciante teoricamente impiegato. Una volta localizzati i terreni oggetto di attività agricola, gli accertamenti sui luoghi hanno mostrato lo stato di effettivo abbandono delle terre, che non erano coltivate. Gli ‘operai agricoli’, dal canto loro, non ricordavano dettagli sul loro impiego, sulle aziende da cui dipendevano e sulla tipologia delle colture: di qui la denuncia a carico dei 12 imprenditori, in concorso con ciascuno dei dipendenti, per aver simulato l’esistenza dei rapporti di lavoro, denunciandone la relativa manodopera.

I militari hanno, poi, accertato – si legge in una nota – “che le società monitorate erano di fatto riconducibili a soggetti legati a famiglie gravitanti nell’orbita della criminalità organizzata della Locride, i quali a loro volta avevano assunto numerosi altri soggetti contigui per vincoli di parentela a famiglie criminali”.

Il possibile danno erariale è stato quantificato in oltre 5 milioni e 600mila di euro, per un totale di 33.954 giornate agricole denunciate. Gli uffici competenti Inps hanno trattenuto alla fonte l’ingiusto profitto che, dunque, non è stato erogato.

L’operazione è stata condotta in collaborazione con le sedi Inps di Reggio Calabria e Crotone. Si è trattato di una indagine prevalentemente documentale, rafforzata da osservazioni e pedinamenti.

32 Condivisioni