sabato, 20 luglio 2024

Fede, è mons. Giovanni Checchinato il nuovo vescovo di Cosenza-Bisignano

La sede si era resa vacante lo scorso 15 settembre dopo la morte dell’arcivescovo mons. Francescantonio Nolè

immagine articolo Fede, è mons. Giovanni Checchinato il nuovo vescovo di Cosenza-Bisignano

Sarebbe mons. Giovanni Checchinato il nuovo vescovo di Cosenza-Bisignano, che lascia la diocesi di San Severo: lo apprendiamo da fonti giornalistiche pugliesi. Mons. Checchinato è nato il 20 agosto 1957 a Latina, allora facente parte della diocesi di Velletri. Consegue il baccalaureato in teologia nel Pontificio Collegio Leoniano di Anagni, di cui poi sarà rettore dal 2005 al 2015. Viene ordinato sacerdote il 4 luglio 1981, incardinandosi nell’allora diocesi di Terracina-Latina. Consegue la licenza in teologia morale presso l’Accademia alfonsiana di Roma e frequenta il percorso accademico per il conseguimento del dottorato presso la Pontificia Università Gregoriana. Nel 1995 partecipa al corso di perfezionamento in bioetica diretto dal professor Giovanni Berlinguer presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Nel 2008 consegue il master di 2º livello in counselling socio educativo presso l’Università Pontificia Salesiana.

Il 13 gennaio 2017 papa Francesco lo ha nominato vescovo di San Severo. Il successivo 23 aprile, nella chiesa parrocchiale del Sacro Cuore di Gesù a Latina, riceve l’ordinazione episcopale da Mariano Crociata, vescovo di Latina-Terracina-Sezze-Priverno, coconsacranti il vescovo Lucio Angelo Renna, suo predecessore a San Severo, e Felice Accrocca, arcivescovo metropolita di Benevento, anch’egli originario della diocesi di Latina-Terracina-Sezze-Priverno; il 6 maggio prende possesso canonico della diocesi, diventandone così il 41º vescovo.

Questa mattina, nella Basilica Cattedrale di Cosenza, vi sarà l’annuncio ufficiale con la lettura del messaggio di Papa Francesco; contemporaneamente a San Severo accadrà lo stesso con la nomina del nuovo vescovo. Mons. Checchinato andrà a prendere possesso di una arcidiocesi la cui sede si era resa vacante lo scorso 15 settembre dopo la morte dell’arcivescovo mons. Francescantonio Nolè.