sabato, 25 maggio 2024

Il crotonese Giovanni Prestinice nuovo Alfiere della Repubblica

Nella giornata di ieri è stato invitato in Comune dal sindaco Voce

Quattordici anni appena, ma con le idee molto chiare ed un cuore così grande da poter già dare lezioni a tanti, anzi tantissimi, adulti. Tra i ventinove Alfieri della Repubblica, scelti dal presidente Sergio Mattarella, c’è il crotonese Giovanni Prestinice. Giovanni è un volontario di Save The Children, è impegnato sul tema delle migrazioni, ed è stato molto attivo nei giorni drammatici che hanno seguito il naufragio avvenuto a Steccato di Cutro nel febbraio 2023, e nel quale persero la vita 94 migranti, tra cui 35 minori.

Giovanni è diventato un testimone di solidarietà, di chi non vuole restare fermo a guardare, ma si batte per sensibilizzare la propria comunità ed evitare il ripetersi di simili tragedie. Per onorare la memoria dei tanti dispersi in mare, ha approfondito e condiviso le storie di chi è morto alla ricerca di una vita migliore. Con la sua partecipazione a eventi pubblici ha cercato, attraverso il dialogo e il confronto, di vincere l’indifferenza e di restituire dignità alle vittime, ai loro familiari e ai superstiti della strage.

“Per la determinazione con cui si impegna come volontario per la difesa dei diritti dei migranti. Dopo il tragico naufragio di Cutro si è prodigato per far conoscere la storia delle vittime, restituendo loro dignità e contrastando l’indifferenza di tanti”: questa la motivazione con la quale il capo dello Stato lo ha nominato Alfiere della Repubblica.

Giovanni è stato invitato dal sindaco di Crotone Vincenzo Voce lunedì pomeriggio in Comune per congratularsi e per consegnargli una spilla con il Tripode da portare al Quirinale quando, intorno a metà maggio, sarà insignito ufficialmente dal presidente Mattarella.

interviste:
Giovanni Prestinice – Alfiere della Repubblica
Vincenzo Voce – sindaco di Crotone
Antonella Barcellona – madre di Giovanni Prestinice

NOTIZIE COLLEGATE