Ambiente Notizie Primo Piano Reggio Calabria Turismo Vibo Valentia

Il Sentiero del Brigante, viaggio lento tra le meraviglie dell’Aspromonte e delle Serre (fotogallery)

64 Condivisioni

Da Gambarie a Serra San Bruno, oppure a Stilo. In nove tappe da percorrere a piedi, l’unico modo per apprezzare appieno le mille meraviglie dell’Aspromonte e delle Serre.

Il “Sentiero del Brigante”, Cammino di oltre 120 km tra l’Aspromonte e le Serre, è nell’Atlante dei Cammini del Mibact, il ministero dei Beni Culturali e del Turismo. Individuato e recuperato fisicamente e culturalmente da GEA-Gruppo escursionisti d’Aspromonte alla fine degli anni ’80, il Cammino ha inizio a Gambarie e si conclude a Serra San Bruno o Stilo dopo essersi biforcato alla Ferdinandea, casa di caccia di Ferdinando II di Borbone.

“Muovendosi da Gambarie e dirigendosi a nord, verso le Serre – si legge nel sito ufficiale sentierodelbrigante.it – un susseguirsi di designazioni toponomastiche raccontano di ribelli e briganti che, in varie epoche storiche, hanno percorso queste montagne e in esse vi hanno trovato rifugio. Dotato di segnavia di colore rosso-bianco-rosso in entrambe le direzioni di marcia, il “Sentiero del Brigante” collega e mette in relazione aree di grande interesse naturalistico, insediamenti rurali, centri abitati, foreste, emergenze architettoniche e archeologiche, dimore nobiliari, strutture fortificate.

“Il nome del Cammino – scrive la Direzione generale turismo del Mibact – deriva dall’utilizzo che ne facevano i briganti nei secoli scorsi per sfuggire alle ricerche. Evitando percorsi più urbanizzati, sfruttavano la cosiddetta ‘Via Grande’, itinerario ad alta quota circa 1000 metri sul mare, che si sviluppava lungo la via naturale di crinale”.
Ideato come itinerario di lunga percorrenza, per affrontare al meglio il percorso è necessario tenere conto delle ore di marcia, dell’articolazione e delle peculiarità del territorio.

Il Sentiero può essere percorso a piccoli tratti. Sul sito di riferimento si trovano tutte le informazioni occorrenti per tappa – come ad esempio i punti di intersezione con strade rotabili – soprattutto per coloro che volessero trascorrere con modesto impegno fisico, un po’ di tempo a contatto con la natura.