Crotone Politica Primo Piano Reggio Calabria

Il voto di Reggio Calabria e Crotone sarà anche un test di gradimento politico per la Regione a guida Santelli

Il 20 e 21 settembre una chiamata alle urne per eleggere i sindaci e i consigli comunali, ma peserà senz'altro il giudizio dei cittadini sull'operato della Giunta regionale Scritto da:

Elezioni amministrative, in Calabria, ma anche test politico-elettorale strategico soprattutto per la Regione guidata dalla forzista Jole Santelli. Si vota per il Comune a Reggio Calabria, una delle città più grandi del Sud Italia, e a Crotone, ma anche a Castrovillari, San Giovanni in Fiore, Taurianova e Cirò Marina, tanto per citare i soli Comuni che superano i 15.000 abitanti e quindi soggetti ad eventuale turno di ballottaggio. Le due competizioni decisive per il centrodestra sono quelle della Città Metropolitana, dove il candidato sindaco è Antonino Minicuci, un manager ed amministratore di grande esperienza, e poi Crotone, dove è stato schierato l’avvocato Antonio Manica. Minicuci è stato proposto da Matteo Salvini, leader della Lega, mentre Manica è espressione di Forza Italia. Reggio Calabria è stata governata dal centrosinistra, con il sindaco Falcomatà che aspira alla seconda legislatura, mentre Crotone viene da uno scioglimento dovuto alle dimissioni del sindaco Pugliese che era a capo di una coalizione centrista e civica.

Il dato da non sottovalutare, sia a Reggio Calabria sia a Crotone, è quello del giudizio politico che gli elettori daranno anche al governo regionale a guida centrodestra. Un test fondamentale per Jole Santelli e per i suoi assessori. Il ragionamento vale sia in riva allo Stretto sia nella città pitagorica, comunità dalle straordinarie potenzialità di sviluppo per le quali il ruolo della Regione è fondamentale. I cittadini di Reggio dovranno senz’altro esprimersi sull’operato di Falcomatà, ma saranno politicamente condizionati anche dal giudizio sulla Regione attorno alla quale ci sono grandi aspettative. Analogamente a Crotone, con tutte le sue emergenze e problematiche irrisolte, dal porto alla pesca, dai rifiuti al risanamento ambientale dell’area industriale, dall’occupazione che manca alle crescenti difficoltà del tessuto produttivo, ci sarà certo una valutazione della cittadinanza sull’esperienza che potremmo definire “Pugliese-Sculco”, ma l’attenzione popolare sarà indirizzata anche ai risultati amministrativi di una Regione Calabria che, a detta di molti, non ha ancora innestato la marcia giusta.

Il voto di Reggio Calabria e di Crotone sarà, pertanto, anche un test di gradimento politico per la Regione e per Jole Santelli. Del resto, com’è naturale che sia, il colore politico in sella alla Regione non è mai una variabile indipendente sia per le elezioni amministrative sia per le politiche. Il giudizio politico che i cittadini hanno della Regione, nonché sul Presidente della Giunta e dei suoi assessori, pesa sulla riflessione complessiva che gli elettori stessi riassumeranno nell’urna tra qualche giorno. Né si può non considerare, guardando ai partiti, che la Giunta a guida Jole Santelli, intesa anche nel senso di tutte le possibili articolazioni della Regione, è caratterizzata da una forte presenza e impronta di Forza Italia. Reggio e Crotone contano oltre il 10 per cento della popolazione calabrese, per cui il voto amministrativo sarà inevitabilmente anche un test di gradimento politico per la Regione e per la Santelli.

Antonella Iacobino

Condividi su
12 Condivisioni

 

DIRETTA VIDEOCALABRIA

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA