Cronaca Crotone Notizie Primo Piano TICKERS

Isola Capo Rizzuto, chiesto il rinvio a giudizio per l’ex sindaco Gianluca Bruno

L'inchiesta scaturisce dall'operazione "Jonny". L'ex primo cittadino deve rispondere dell'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa Scritto da: REDAZIONE

I pubblici ministeri della Dda di Catanzaro hanno chiesto il rinvio a giudizio per l’ex sindaco di Isola di Capo Rizzuto, Gianluca Bruno (41 anni), per l’ex funzionario della Prefettura di Crotone, Carmelo Giordano (55 anni) e per l’ex governatore della Misericordia di Isola Leonardo Sacco (43 anni) a conclusione del nuovo filone d’inchiesta scaturito dall’operazione antimafia “Jonny”. Lo scrive “Gazzetta del sud”. Bruno è accusato di aver favorito la cosca Arena, facendo da tramite tra il Comune ed il clan. L’inchiesta “Jonny” aveva svelato le presunte ingerenze del clan Arena nella gestione del Centro d’accoglienza per migranti di Sant’Anna. Un business legato all’accoglienza dei profughi nel quale si erano inseriti elementi della cosca locale. In questo quadro l’ex primo cittadino di Isola deve rispondere di concorso esterno in associazione mafiosa.

Giordano, che oggi è in servizio a Reggio Calabria, avrebbe invece ricevuto una tangente di 10 mila euro da Sacco per chiudere un occhio sui contratti di subappalto per il servizio mensa del Cara, all’epoca gestito dalla Misericordia di Isola.
L’udienza preliminare è in programma per il 20 ottobre.

Condividi su
0 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

DIRETTA VIDEOCALABRIA

Il meteo

Meteo Calabria

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com