CAPRICCIOTV - Io Scelgo Calabria Cultura Io scelgo Calabria Notizie Primo Piano Reggio Calabria Video

La caccia al pesce spada: una storia di radici, tradizioni e rispetto del mare

Quando si parla di identità territoriale, di radici, di legame profondo col territorio – come fa il progetto di comunicazione integrata “Io scelgo Calabria” – non si può non raccontare la caccia al pesce spada nello Stretto. Una pratica vecchia di millenni, unica al mondo, oggi condotta a bordo di “passerelle” – evoluzione delle antiche “feluche” – che ha resistito al tempo, ed alla industrializzazione della pesca, grazie alla caparbietà di poche famiglie che continuano a tramandarla di padre in figlio. Esattamente come la famiglia Iannì di Bagnara Calabra.

Si tratta di una pesca sostenibile, sicuramente più leale nei confronti del pesce, e poi più rispettosa del mare e del suo ecosistema. Quella che tra maggio ed agosto s’ingaggia sulle passerelle è pesca che si fa caccia; una lotta quasi alla pari, in cui l’uomo sfida il pesce, e non sempre vince. E in cui la parola d’ordine è rispetto, per il pesce e per il mare.

Hanno tenuto duro i pescatori dello Stretto, preservando le loro tradizioni anche quando il mondo sembrava andare in un’altra direzione. Ed hanno avuto ragione, se è vero com’è vero che oggi di quelle identità, di quelle tradizioni, di quel rapporto leale con il mare è stato riscoperto e rivalutato il valore, dai turisti quanto dagli amministratori, come ha confermato anche il sottosegretario Franco Manzato al convegno “Mare nostrum”, rassegna per la promozione delle tradizioni identitarie della pesca, organizzato dai quattro Flag calabresi.

Condividi su Whatsapp
37 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA