Ambiente Attualità Catanzaro Foto del giorno Natura Notizie Vibo Valentia

La storia a lieto fine di Golia, tartaruga marina salvata dalla plastica e appena tornata in libertà (Foto)

L’hanno chiamata Golia, per la tenacia e la forza che ci ha messo nel guarire e rimettersi dai problemi che l’ingestione di plastica le aveva provocato. E’ una storia a lieto fine quella della Caretta caretta appena rimessa in libertà dopo il suo “recupero” avvenuto a giugno. L’equipaggio di un’unità guardacoste della Stazione navale della Guardia di Finanza di Vibo Valentia, nel corso di una perlustrazione delle acque del golfo di Gioia Tauro, ha scorto in mare una tartaruga di notevoli dimensioni, che si muoveva debolmente fra le onde. I militari si sono subito resi conto della difficoltà dell’animale, che appariva molto sofferente. Hanno quindi deciso di recuperarla per cercare di portarle soccorso. Contestualmente hanno attivato la Rete regionale di spiaggiamento, chiamando l’Asp di Vibo Valentia e il Centro di recupero Mare (Marine animal rescue effort) di Montepaone (CZ) i cui operatori sono intervenuti e hanno preso in consegna la tartaruga. Si tratta di un esemplare lungo oltre un metro e di 54 chilogrammi di peso e, presumibilmente, di altrettanti anni di vita, che accusava una grave subocclusione gastrica, cagionata dall’ingestione di numerosi frammenti di plastica, che l’avrebbe sicuramente portata alla morte.

La tartaruga è stata sottoposta a un attento trattamento terapeutico, e in poco più di un mese e mezzo ha recuperato la piena vitalità, con la possibilità di essere reimmessa nel suo ambiente naturale; è stata dunque riportata in mare e liberata in acque prossime a quelle ove era stato effettuato il salvataggio, dalla stessa unità che l’aveva salvata.

533 Condivisioni