Ambiente Cronaca Notizie Primo Piano Reggio Calabria

L’agonia di Afrodite, tartaruga marina in fin di vita per colpa dell’uomo

Potrebbe non essere una storia a lieto fine quella di Afrodite, l’ultimo esemplare di tartaruga marina recuperato dal CRTM di Brancaleone. E’ arrivata la scorsa notte attorno alle 2, segnalata dalla Guardia Costiera di Reggio Calabria. Un diportista l’aveva avvistata nelle acque di Reggio Calabria, che galleggiava in evidente difficoltà. “La sua storia clinica è molto triste – scrivono dal Centro di recupero – e la sua situazione è molto critica. Ha i due arti anteriori completamente compromessi e purtroppo si pensa all’amputazione di entrambi; la possibilità di sopravvivenza in queste condizioni si abbassa moltissimo. Qualcosa la stringeva a livello della spalla e non permetteva più la circolazione sanguigna. Afrodite, al momento dell’avvistamento si trascinava dietro svariati metri di lenza in nylon usata per la pesca e un galleggiante in legno utilizzato dai pescatori per raccogliere la lenza, con agganciato addirittura un cerchione da bicicletta. Tutta la lenza era aggrovigliata alle sue pinne anteriori e lei si portava dietro tutto ciò”.

La tartaruga verrà quanto prima portata a Bari per alcune visite specialistiche. Per Afrodite, però, le speranze sono poche, simbolo dei danni che l’uomo sta provocando al mare ed all’ecosistema.

Condividi su Whatsapp
81 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA