Attualità Catanzaro Economia Notizie Primo Piano Video

Lamezia, sindacati in pressing sul Governo in vista del Consiglio dei ministri

La data della riunione del Consiglio dei ministri in Calabria non è ancora stata ufficializzata, ma l’attesa cresce e con essa anche la fibrillazione delle parti sociali. In una conferenza stampa tenutasi a Lamezia Terme, i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil della Calabria hanno invocato risposte concrete da parte del Governo su temi come lavoro, infrastrutture, sanità, porto di Gioia Tauro. Va bene, anzi, benissimo l’attenzione che la riunione dei ministri certamente incarna, ma quello che serve in questo momento, dice il segretario della Cgil, Angelo Sposato, è l’apertura di una fase di concertazione e di confronto tra i soggetti istituzionali, e dunque tra Governo, Regione e sindacati, specie per predisporre un piano straordinario per il lavoro.

Anche il segretario generale della Uil, Santo Biondo, sottolinea la necessità che si superi il conflitto istituzionale e chiede che al di là del segnale d’indubbia attenzione da parte dell’esecutivo si giunga presto a produrre fatti concreti, ad esempio, mettendo fine all’infinita odissea della definitiva stabilizzazione dei precari

I segretari calabresi della triplice hanno comunque confermato la manifestazione unitaria del 22 giugno prossimo a Reggio Calabria con la quale si vuol veicolare il messaggio per cui solo se ripartono il Mezzogiorno e la Calabria può ripartire anche il Paese.

 

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •