Cronaca Crotone L'Editoriale Notizie Primo Piano TICKERS

L’EDITORIALE | Aggredito commerciante a Crotone, virali i video dell’aggressione sui social: basta!

Una brutta pagina di cronaca, violenza inaudita, ed un problema sociale esploso come una bomba: in tutto questo, i video girano su Facebook e Whatsapp Scritto da: GIUSEPPE LARATTA

Stanno facendo il giro dei social due video ripresi con smartphone riguardo l’aggressione subita da un commerciante a Crotone ieri pomeriggio da un gruppo di ragazzini. Secondo quanto riferito dalla questura pitagorica in un comunicato (LEGGI QUI), il proprietario della cartoleria sarebbe uscito fuori dal negozio per chiedere ai ragazzini di evitare schiamazzi: di risposta, i ragazzi avrebbero iniziato ad inveire contro l’uomo, arrivando anche a strattonarlo e a minacciarlo. Nel tumulto, uno dei ragazzini con un calcio ha sfondato la vetrina del negozio; poco dopo è arrivata la madre che ha continuato a minacciare il commerciante, cercando anche di picchiarlo. Sul posto sono giunte alcune volanti della Polizia che hanno sedato gli animi, e chiesto le generalità alla donna che non le ha fornite, ma anzi ha continuato ad inveire contro i poliziotti. Alla fine, è stata condotta in Questura insieme al figlio per accertamenti: la madre è stata denunciata per violenza o minaccia a Pubblico Ufficiale, e rifiuto d’indicazioni sulla propria identità personale; il figlio minorenne, non imputabile, è stato segnalato all’Autorità competente.

I due video che hanno ripreso l’aggressione e l’intervento della Polizia sono arrivati anche alla nostra redazione e, ovviamente, non abbiamo assolutamente intenzione di divulgarli non solo per la violenza che arriva dalle immagini, ma anche perchè riguardano minori. I video in questione sono stati pubblicati da utenti “distratti” su Facebook, e stanno facendo il giro su Whatsapp. Non è la prima volta che assistiamo ad eventi del genere sui social: lo scorso gennaio divenne virale un video di un pestaggio di un minore (LEGGI L’ARTICOLO).

Un fatto da sottolineare – purtroppo e ancora una volta – è la violenza che è uscita fuori: parliamo di un gruppetto di 6-7 ragazzi che aggrediscono un commerciante, colpevole quest’ultimo solo di aver chiesto loro di non gridare. Nella confusione è stata preso anche un bastone di ferro, di quelli che si usano per abbassare-alzare le serrande del negozio, fortunatamente tolto di mezzo da un signore che era intervenuto in soccorso del commerciante. La violenza di un ragazzino nel sfondare con un calcio la vetrina del negozio, l’arroganza e la sfacciataggine di minacciare e gridare contro una persona adulta, sono sintomi di un’emergenza sociale da non sottovalutare, esplosa come una bomba. A questo bisogna aggiungere anche il non rispetto verso le forze dell’ordine intervenute a riportare la calma, bersaglio di improperi da parte della donna; non per ultimo, la scena triste e desolante dell’entrata nella volante da parte di madre e figlio per raggiungere la Questura. Bisogna riflettere su quanto è accaduto, come e se si poteva evitare questa brutta pagina di cronaca.

Condividi su Whatsapp
36 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA