Attualità Crotone Cultura L'Editoriale Notizie Primo Piano TICKERS

L’EDITORIALE | Crotone e l’inciviltà: ripartiamo dalla cura e dalla bellezza dei luoghi

In pieno centro cittadino si trovano "regali" indesiderati e indegni per una città Scritto da:

Crotone, esterno giorno. Il sole è alto, lucente nell’illuminare la città di Pitagora. Bella, ed ancora più bella in questo periodo dell’anno che regala qualche sprazzo di primavera in anticipo. La bellezza, però, si perde abbassando lo sguardo dal cielo alla terra sotto i nostri piedi. Capita – purtroppo – di trovare “regali” del genere camminando per le vie del centro cittadino. Mascherine gettate dopo l’uso, una siringa – c’è ancora chi si buca nel 2021, sembrerebbe – una cassetta di quelle che si usano per la frutta al mercato, e sporcizia diffusa ai lati dei marciapiedi. Analizzando gli oggetti trovati, oltre al fatto che significa una non-pulizia da chi di dovere, fa sorgere il pensiero che esistono dei porci (e mi scuso per l’utilizzo di questo termine) che se ne fregano altamente non solo delle regole, ma non hanno a cuore gli spazi comuni di questa città.

Allora è inutile parlare di Recovery Plan, emergenza Coronavirus, vaccini, scuole aperte, elezioni Regionali, quando dal basso la situazione è questa. Quando c’è qualcuno che se ne frega delle regole basilari del vivere civile. E in tutto questo aggiungo anche chi non rispetta il codice della strada, chi ti passa davanti alla fila alle Poste, chi viene raccomandato nei luoghi “che contano”. Di cosa stiamo parlando? E’ necessario fermarsi a riflettere, prendere fiato, e non voltarsi dall’altra parte. Ripartire dalle piccole cose, non per questo insignificanti. Ripartire dalla bellezza e dalla cura delle nostre città. Riparare agli errori degli altri, e dimostrare quella superiorità non solo intellettuale, ma fattiva.

Tornando a quanto mostriamo in foto, e non per fare i bacchettoni, ma se qualcuno – dei bambini per esempio – dovesse toccare quelle mascherine, o quella siringa? Non sappiamo chi le abbia indossate, se – ipoteticamente, e senza fare del facile allarmismo – possa esserci traccia del Coronavirus. Ci vuole più attenzione, altrimenti i grandi temi d’attualità diventano aria fritta. Occorre ripartire dal basso.

Giuseppe Laratta

Condividi su Whatsapp
103 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA