venerdì, 21 giugno 2024

Legalità, premio nazionale “Diego Tajani”: il professore Antonio Nicaso ne assume la presidenza

Il prossimo 8 giugno la seconda edizione

immagine articolo Legalità, premio nazionale “Diego Tajani”: il professore Antonio Nicaso ne assume la presidenza

Lo storico delle mafie, Antonio Nicaso, ha assunto la presidenza del Premio nazionale “Diego Tajani”: lo rende noto il Centro studi e ricerche intitolato al magistrato cutrese. La seconda edizione del Premio si terrà il prossimo 8 giugno, anniversario della nascita di Tajani. Nicaso, storico delle organizzazioni criminali, è considerato uno dei massimi esperti di ‘ndrangheta al mondo. Insegna storia sociale della criminalità organizzata alla Queen’s University, è autore di oltre 40 libri tra i quali best-seller internazionali, molti dei quali scritti insieme al magistrato Nicola Gratteri.

Il Premio prevede le sezioni Legalità, Mezzogiorno e Giovani. Nella prima edizione, il Premio è stato assegnato, per la sezione Legalità, al procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri e al professor Antonio Nicaso; per la sezione Mezzogiorno, al saggista Isaia Sales; per la sezione Giovani, alla giornalista Sara Manisera.

La manifestazione è promossa e organizzata dal Centro studi e ricerche Diego Tajani, associazione composta da un gruppo di studiosi e professionisti che intende promuovere la ricerca storiografica su Diego Tajani, nato a Cutro l’8 giugno 1827, valorizzarne l’opera e il pensiero, contribuire alla diffusione della cultura della legalità anche attraverso l’elaborazione di studi qualificati sul fenomeno mafioso e l’attivazione di laboratori aperti alla società.

Il Centro Tajani intende, inoltre, sostenere e promuovere la formazione di giovani e giovani adulti facilitando lo sviluppo e la diffusione di valori e conoscenze, competenze e abilità utili a progettare e realizzare iniziative innovative in armonia con le qualità e le vocazioni del territorio e avviare collaborazioni istituzionali con le amministrazioni comunali di Cutro, Vietri sul Mare, dove sono le origini della famiglia Tajani, e Reggio Emilia, meta dell’esodo di migliaia di cutresi emigrati.