Ambiente Attualità Cosenza Crotone Notizie

Legambiente e gli studenti calabresi si preparano a scendere in piazza contro i mutamenti climatici

Legambiente Calabria insieme all’Unione Studenti Crotone parteciperà allo sciopero globale, organizzato per venerdì 15 marzo nella città pitagorica e che gli studenti di tutto il mondo si apprestano a fare. Insieme ad altre associazioni e ai sindacati si prenderà parte allo Sciopero Mondiale per il Futuro con l’obiettivo di chiedere ai Governi di agire per fermare i mutamenti climatici.

A Crotone la manifestazione partirà alle ore 9 dal piazzale dello stadio Ezio Scida, percorrerà poi via Giovanni Paolo II, via XXV Aprile, via Vittorio Veneto, Corso Giuseppe Mazzini, Via Vittorio Veneto per arrivare in Piazza Pitagora, dove sono previsti gli interventi e le attività finali. Oltre alla manifestazione di Crotone, Legambiente con i suoi circoli è impegnata anche a Petilia Policastro, dove il locale circolo ha organizzato lo sciopero insieme agli studenti del Liceo Scientifico “Satriani”, e a Cosenza dove il circolo Legambiente scenderà in piazza a scioperare con gli studenti universitari. Altra manifestazione calabrese che vedrà la partecipazione di Legambiente è quella che si terrà nel basso Jonio cosentino: gli alunni della scuola primaria di Cariati Marina, del plesso V. Emanuele, insieme al circolo Legambiente Nicá di Scala Coeli aderiranno allo sciopero mondiale per il futuro che stanno preparando da alcuni giorni.

«Contrastare i mutamenti climatici è attualmente la sfida più grande che abbiamo davanti – è scritto in una nota di Legambiente – ma la risposta delle politiche mondiali a questa emergenza è ancora inefficace e deludente. È quindi importante unirci e contribuire alla nascita di un movimento il più ampio e trasversale possibile che porti sempre più persone a chiedere ai Governi di agire, e farlo in fretta. Non c’è più tempo, sono necessarie strategie coordinate tra i diversi Paesi per rispettare gli impegni presi, a partire dall’Accordo di Parigi. Per ottenere azioni incisive dai Governi c’è bisogno di ognuno di noi per una spinta sempre più pressante e incisiva dal basso. I fridaysforfuture, nati dalla protesta della quindicenne Greta Thumberg a Stoccolma in occasione della COP24, e la manifestazione del 15 marzo, Global Strike For Future, rappresentano una grande occasione per farci sentire e portare l’emergenza climatica in primo piano. Il 15 marzo sarà fondamentale essere in tanti e Legambiente con i suoi circoli e tanti giovani dell’associazione, ci sarà!».

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •