Cosenza Cultura e Libri Notizie Primo Piano Video Video del giorno

Leonardo, 500 anni di un genio celebrati in una mostra virtuale

 

Fino al 30 giugno prossimo a Cosenza, presso il museo multimediale di piazza Bilotti, è aperta l’esposizione virtuale dal titolo “Da Vinci alive experience, 500 years of genius”, ovvero, esperienza viva di Da Vinci, 500 anni di genio, che celebra, come del resto sta avvenendo in molti paesi del mondo, la grandezza di Leonardo nel cinquecentesimo anniversario dalla morte. La mostra, inaugurata martedì scorso con un’anteprima per la stampa, è ipertecnologica, uno spettacolo di immagini emozionanti che catapultano in un’esperienza immersiva, come del resto avviene e si è abituati a vivere nell’open space cosentino. Anche la mostra su Leonardo, come già quella su Van Gogh, è prodotta da Grande exhibitions ed è reduce da un tour internazionale in città come Firenze, Richmond, Seul, Tel Aviv, ed ovunque, negli Stati Uniti come in Corea del Sud ed in Israele, ha avuto un clamoroso successo. L’allestimento di avvale del sistema sensory4, un sistema unico che combina grafica multicanale, suono surround di elevatissima qualità ed una quarantina di proiettori ad alta definizione in un ambiente multiscreen, una sinfonia di luce, immagini, colori e suoni combinati ed amplificati per offrire quella che gli stessi visitatori hanno giudicato un’indimenticabile esperienza multisensoriale. La mostra, che è visitabile tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 20, e sabato e domenica dalle 10 alle 23, è un viaggio totale alla scoperta di uno dei geni più amati dell’Umanità: il museo è invaso dalle immagini dei progetti di Leonardo, dalle opere artistiche più importanti che egli produsse, a partire, ovviamente, dall’Ultima Cena e da Monna Lisa. Si tratta di un progetto nato da una nuova concezione espositiva, che consente di riunire virtualmente opere che altrimenti sarebbe impossibile vedere nell’ambito di una sola esposizione di tipo tradizionale. Più di 3 mila immagini di Leonardo sono sincronizzate con una potente partitura musicale e proiettate su vasta scala, riempendo schermi giganti, pareti, colonne, soffitti e perfino il pavimento, consentendo ai visitatori di immergersi completamente nell’ispirazione di Leonardo fra capolavori, invenzioni, disegni e codici dell’inventore, dell’artista, dello scienziato, talento universale del Rinascimento, ingegno capace di spaziare dalla scultura all’architettura, dal disegno alla scenografia, dall’anatomia alla musica, dai progetti alle vere e proprie invenzioni. Quella di Cosenza è un’esperienza didattica affascinante ed al tempo stesso divertente. Le immagini ingrandiscono anche i più piccoli dettagli, attirando l’attenzione dei visitatori sulle caratteristiche principali di un’opera, consentendo l’osservazione dell’uso del colore e della tecnica in una prospettiva nuova e sempre diversa. Il pubblico può scegliere se seguire l’evoluzione delle immagini, muovendosi liberamente negli ambienti della mostra, oppure soffermarsi lasciando che la loro bellezza e quella della musica investano i propri sensi.