Ambiente Notizie Primo Piano

L’inutile uccisione dello squalo volpe a Strongoli

La foto dello squalo volpe ucciso a Strongoli ha fatto il giro d’Italia. Di solito, però, i pescatori che – come in questo caso – si imbattono in pesci che non si possono mangiare né vendere, questi pesci li liberano. D’altra parte non c’è ragione alcuna per ucciderli, se non per il puro gusto di farlo. E in questo caso specifico la pesca diretta della squalo volpe in Italia è vietata; una ragione in più per liberarlo quando lo si cattura accidentalmente ed è ancora vivo.

Lo squalo in questione, un grosso esemplare, dalle informazioni diffuse è stato catturato con canna da pesca da altura, dunque non è morto impigliato per sbaglio nelle reti. Quantomeno l’etica che, in teoria, esiste nel mondo della pesca, avrebbe imposto dunque che venisse liberato, e non utilizzato come trofeo a beneficio dei social. Non è pericoloso per l’uomo, non aveva dato fastidio a nessuno; è solo stato sfortunato ad imbattersi in una specie più cattiva della sua, la specie umana.

Noi quella foto abbiamo deciso di non pubblicarla. Preferiamo mostrare quanto è bello lo squalo volpe da vivo.

Si tratta di una specie diffusa in tutti i mari temperati e subtropicali del mondo, detto anche codalunga e volpe di mare. Lo squalo volpe vive nelle acque calde di tutti gli oceani, ed è presente anche nel Mar Mediterraneo e nel Mar Nero. Esibisce una pinna caudale straordinariamente lunga e asimmetrica, il cui lobo superiore assomiglia a una falce di grossissime dimensioni, che utilizza sapientemente per catturare sarde, sgombri e altri pesci di banco di cui si nutre. Infatti lo squalo volpe dapprima nuota velocemente intorno alle prede e le colpisce con la coda stordendole e inducendole ad ammassarsi, quindi attraversa rapidamente il banco facendone grande incetta.

A dispetto delle dimensioni abbastanza ragguardevoli, gli squali volpe non costituiscono un pericolo per l’uomo in quanto esso non è visto come potenziale fonte di cibo. Questi squali, inoltre, sono abbastanza timidi e risultano difficili da osservare anche per i subacquei.

1 Condivisioni