Attualità Italia Notizie Sanità TICKERS Ultima Ora Coronavirus

Lotta al Coronavirus, il Governo vara il nuovo Dl: ecco le misure previste fino a gennaio 2022

Conferenza stampa post Consiglio dei Ministri con il premier Draghi ed i ministri Gelmini e Speranza Scritto da: GIUSEPPE LARATTA

Il Governo ha dato il via libera al nuovo Decreto legge in materia Covid: il documento è stato presentato in conferenza stampa dal premier Mario Draghi, e dai ministri della Salute Roberto Speranza, e per gli Affari Regionali Maria Stella Gelmini. Il dl – come spiegato da Speranza – si basa su quattro ambiti:

  1. l’obbligo vaccinale prima era valido per il personale sanitario ed i lavoratori – anche non sanitari – delle rsa. Nel dl il Governo estende l’obbligo per: il personale non sanitario che lavora nel comparto salute, forze dell’ordine, militari, tutto il personale scolastico. Riguarda anche la terza dose, o il richiamo del vaccino Johnson & Johnson (monodose);
  2. estensione del Green pass: utilizzo negli alberghi, trasporto ferroviario regionale ed interregionale, trasporto pubblico locale, negli spogliatoi delle attività sportive anche all’aperto. Prima la durata era di 12 mesi, ora passa a 9 mesi;
  3. Green pass rafforzato: prima il Gren pass si otteneva dopo la vaccinazione, o la guarigione dal Covid, o con tampone negativo. In questa fase di avanzamento epidemia, tra il 6 dicembre ed il 15 gennaio sarà introdotto il Gren pass rafforzato. Per ottenerlo vi saranno solo due funzioni vigenti: o con vaccinazione, o guarigione, già in zona bianca. Con il certificato verde rafforzato, ha continuato a spiegare Speranza, “c’è un elemento positivo”: nel passaggio di colore delle regioni in base agli indici di ospedalizzazione, il Governo eviterà restrizioni per i vaccinati. “Il rafforzamento del Green pass eviterà chiusura, riduzioni di capienza”.
  4. controlli: nel dl c’è nuova procedura di rafforzamento dei controlli nei luoghi dove si usa il Green pass. Entro 3 giorni dall’entrata in vigore del decreto, i prefetti convocano il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, entro 5 giorni adottano il nuovo piano di controlli coinvolgendo tutte le forze di polizia, e dovranno fare una relazione settimanale al Ministero dell’Interno.

Il ministro della Salute ha affermato che la possibilità di anticipare il richiamo a 5 mesi dall’ultima dose, non più a 6: l’indicazione è stata formalizzata da Aifa e pubblicata in Gazzaetta Ufficiale. Il Governo – dall’1 dicembre – farà modifica per allargare la platea anagrafica per il richiamo; da oggi si potevano prenotare gli over 40, dal primo di dicembre si potranno prenotare gli over 18.

Condividi su Whatsapp
3 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA